Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Conosciamo Rinaldo Barone


Conosciamo Rinaldo Barone
03/03/2011, 09:03

La Pit Bike non è più una semplice moda, ma un vero e proprio fenomeno che accomuna migliaia di appassionati. Il successo di queste piccole due ruote risiede nel gran divertimento che riescono a regalare, a costi contenuti. In Campania nel 2010 si sono svolte delle gare abbinate al Trofeo Motorsannio, e si è riscontrato un discreto successo di partecipazione di piloti. Tra questi quello che si è messo in evidenza per la simpatia e per la volontà di far decollare la disciplina è Rinaldo Barone, del Moto Club Motorsannio: “Per metà campionato – spiega Barone – ho gareggiato con una Honda Crf 450 R nella categoria S4, dove ho colto come miglior risultato un secondo posto. Poi sono passato nelle fila della classe S6, dove nell’ultima gara ho avuto il piacere di sfidare il campione della S1 il Cinghialone Matarazzo. Carmine oltre ad essere un bravo pilota, è un grande uomo, e con lui ho un bel rapporto fuori dal mondo delle corse. Il cambio di categoria è nato quando ho avuto la possibilità di provare una Pit Bike Parvisa, con la quale è stato amore a prima piega. E’ incredibile la quantità industriale di adrenalina che queste piccole due ruote sono in grado di regalare tra i cordoli di un tracciato. Bastano piccole modifiche al modello di serie, che subito si è competitivi per le gare. Lo trovo un modo economico per divertirsi molto alla guida di una due ruote”. Barone riveste quest’anno il ruolo di responsabile del Trofeo Motorsannio-Metzeler per le Pit Bike, e le quasi cinquanta preiscrizioni giunte, lasciano ben sperare per una stagione ricca d’agonismo e spettacolo: “Sto – dice – lavorando per gettare le basi per una stagione ricca di piloti, sulle piste più importanti delle regioni meridionali. Aspetti fondamentali saranno la sicurezza dei piloti ed il contenimento dei costi. Sul sito www.motorsannio.it è possibile leggere il regolamento, le date del trofeo, ed invito coloro che hanno da suggerire nuove idee, a contattarmi via e-mail”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©