Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE LA GAZZETTA

Conte: "Complimenti al Napoli, è cresciuto tanto"


Conte: 'Complimenti al Napoli, è cresciuto tanto'
01/04/2012, 11:04

Il Milan frena. La corsa scudetto può riaprirsi. Conte non vuole rimpianti. «Abbiamo già lasciato troppi punti per strada—dice il tecnico salentino—, solo contro Milan e Napoli i pareggi erano giusti, le altre volte avremmo meritato di più. Penso e ripenso soprattutto allo 0-0 di Marassi, contro il Genoa. I due punti persi lì mi fanno ancora male». Ma adesso, dopo l’1-1 di Catania, «dobbiamofarci trovare pronti. Se il Milan fa harakiri bisogna essere lì». Appunto, zero rimpianti a fine stagione, questo è l’obiettivo delMouitaliano. Realista quando parla di «un Milan di gran lunga superiore a tutti in serie A», comunque in assetto da combattimento nel momento in cui stimola l’ambiente bianconero «a provarci fino in fondo, perché sarebbe sciocco non farlo dopo una stagione simile, in una situazione così».

«Champions da blindare» Motivazioni che salgono ulteriormente quindi, ma a prescindere da Catania non ce ne sarebbe stato bisogno. Juve-Napoli è infatti uno snodo «potenzialmente decisivo a livello di Champions League— continua Conte—.Vincere questa sera, al di là del discorso scudetto, ci permetterebbe di blindare forse definitivamente il secondo posto. Ed entrare in Champions dalla porta principale sarebbe un risultato eccezionale, non va mai dimenticato. Detto questo, ripeto, terremo sempre un occhio parecchio vigile anche su quanto accade davanti a noi. Qui non si mollano nemmeno le briciole, fino all’ultima giornata». E tanto per non lasciare nulla al caso, meglio aumentare la pressione su Allegri, che a sua volta non perde occasione per punzecchiare la Juve: «Dice che per noi è normale dare tutto quest’anno, perché poi chissà quando ci ricapiterà di giocare per lo scudetto? Non ho sentito le sue parole. Il fatto è che il campionato resta nelle loro mani, possono perderlo solo loro. Basta vedere che razza di squadra riescono a mettere in campo anche con 10-11 infortunati. Nessuno in Italia ha una rosa come quella del Milan. Forse solo l’Inter può competere, ma ormai è fuori dai giochi. Noi, Napoli, Lazio e Udinese di certo non disponiamo di tanti giocatori di così alto livello

Napoli da rispettare E qui partono «complimenti sinceri al Napoli. E’ cresciuto tanto, merito di De Laurentiis che è riuscito a migliorare di anno in anno un progetto importante, partito da zero. In Champions, con un pizzico di esperienza in più avrebbero eliminato il Chelsea, avrebbero poi pescato il Benfica e di fatto, secondo me, si sarebbero ritrovati fra le quattro grandi d’Europa. Meritatamente! La loro forza è là davanti, con Cavani, Lavezzi e Hamsik, senza dimenticare l’ottimo Pandev di questo periodo. Credo però che sia altrettanto importante l’organizzazione di gioco: due anni e mezzo di lavoro fantastico da parte di Mazzarri. Gli 11 punti fra noi e loro? Questione appunto di rosa: l’Europa porta via energie preziose se non hai un gruppo numeroso e di qualità, c’è poco da fare».

FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT
 

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.