Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Conte:"Napoli candidato allo scudetto"


Conte:'Napoli candidato allo scudetto'
06/04/2011, 12:04

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Antonio Conte, allenatore del Siena

“Complimenti a Mazzarri per quello che sta facendo, gran parte del merito del successo del Napoli ce l’ha Mazzarri, che nel giro di un anno e mezzo ha dato un’impronta di gioco a questa squadra, ed è stato straordinario nel mettere in pratica la sua idea di gioco.
Mazzarri non si è adattato alle caratteristiche degli uomini del Napoli, Mazzarri e la società sono intervenuti in maniera intelligente sul mercato comprando giocatori che sposavano il modulo di Mazzarri. Ha tenuto l’ossatura di base e attraverso le idee ha formato una squadra che valorizza le sue idee. Pazienza è oggi tra i centrocampisti più forti d’Italia, e il merito del tecnico azzurro è anche quello di aver accresciuto il patrimonio calcistico. Il suo grande lavoro è quello di portare un giocatore che vale sei ad otto.
A Napoli hanno imparato a fare calcio per questo devo fare i complimenti a Mazzarri, De Laurentiis e Bigon che stanno facendo grandi cose. Napoli è la dimostrazione che tramite l’organizzazione si può lottare per i vertici, non è detto che bisogna comprare grandi campioni per arrivare a lottare per qualcosa di importante, si arriva ai vertici comprando giocatori giusti che facciano portare avanti un progetto.
Il lavoro di gruppo paga, in una società deve esserci sintonia, l’allenatore deve avere l’idea di gioco, il Direttore Sportivo deve crederci e il Presidente deve fidarsi.
A me piace il Napoli, mi entusiasma perché è la dimostrazione che non sono sempre i grandi nomi a vincere. In più il tifoso del Napoli è eccezionale perché diventa il dodicesimo uomo in campo.
A Siena siamo cresciuti tanto come squadra, come mentalità, come gioco. Non faccio nessun nome perché vorrei tenerli tutti con me, però ci sono ragazzi che stanno facendo davvero molto bene e che stanno crescendo a livello tattico, fisico e come mentalità.
Penso che il termometro migliore in mano ce l’abbia Mazzarri e contro il Bologna adotterà la scelta migliore. Mascara nel match contro la Lazio è entrato e ha fatto molto bene, ha pagato il dazio perchè è arrivato a Napoli solo nel mercato di gennaio però ha qualità, salta l’uomo, crea superiorità numerica e credo che il Napoli vada a Bologna per portare a casa i tre punti per cui non credo si voglia privare di Mascara anche se Mazzarri saprà sicuramente chi mandare in campo.
L’Inter è out, è fuori alla lotta scudetto. Nella lotta ci sono solo Milan e Napoli. C’è il Milan che viene da un’importante vittoria del derby, vittoria che però viene ridimensionata alla luce di quello che si è visto ieri nella partita di Champions dell’Inter. Il Napoli invece sta meglio mentalmente perché ha già una posizione straordinaria, in più i ragazzi sono caricati a mille, l’ambiente è entusiasta, e ha dei valori di base importanti. Il Napoli è in grande condizione e ha tutto per far bene in più è una squadra che ha molta freschezza, che corre tantissimo.
Larrondo mi ha impressionato tantissimo , viene dal settore giovanile del Siena, è un ragazzo che non ha paura di nessuno. Detto questo c’è anche da dire che deve crescere tanto, già quest’anno sta capendo tanto. Larrondo ha grossi margini di miglioramento, è un giocatore che ha grandi prospettive se manterrà l’umiltà e la voglia di lavorare. Non so se sia pronto per un grande club, ma sul suo futuro ci scommetto”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©