Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Niente stop

Continuano le proteste in Brasile: due morti. L'Italia resta


Continuano le proteste in Brasile: due morti. L'Italia resta
22/06/2013, 09:35

SALVADOR DE BAHIA - Sono ore difficilissime per la Federcalcio mondiale. Il disordine nelle strade delle città brasiliane, invece di diminuire, aumenta; l'allarme sicurezza sale e cresce la pressione per chiudere qui la Confederations Cup.

L'ULTIMATUM - Secondo il sito brasiliano Uol Esporte, il presidente della Fifa, Joseph Blatter, avrebbe posto un ultimatum alla presidente del Brasile, Dilma Rousseff: o viene assicurata l'incolumità di squadre e dirigenti oppure la Confederations sarà sospesa. La sicurezza è la condizione indispensabile per andare avanti, ma è evidente che rendere pubblico un ultimatum di questo genere significa offrire un assist alla protesta popolare.

"CONTATTO COSTANTE CON LE AUTORITA' LOCALI" - Così la Fifa, via twitter e poi nella conferenza stampa di Rio, attraverso il portavoce Pekka Odriozola, ha precisato che al momento non esiste alcun rischio di cancellazione della Confederations Cup. "La Fifa supporta e riconosce il diritto alla libertà di parola e di manifestazione pacifica e condanna ogni forma di violenza. La Fifa è in contatto costante con le autorità locali, abbiamo piena fiducia nelle misure di sicurezza e continueremo a monitorare la situazione. In questa fase nè la Fifa, nè il Comitato organizzatore locale, nè il Governo federale hanno discusso o considerato la cancellazione della Confederations Cup. La Fifa è in contatto costante con tutte le parti in causa, comprese le squadre, e non ha ricevuto alcuna richiesta di lasciare il Brasile da nessuna nazionale".

L'ITALIA VUOLE ANDARE VIA? - In queste ore, si era fatta strada l'ipotesi che a chiedere di tornare a casa fosse stata proprio l'Italia. Ma il vice-presidente, Albertini ha spiegato: "Non abbiamo mai preso nemmeno in esame l'ipotesi di ritirarci; è una totale invenzione". E arriva anche la rassicurazione del ct Prandelli"Tornare a casa? Assolutamente no, non ci stiamo assolutamente pensando". La situazione è molto delicata anche in prospettiva futura. È in gioco l'organizzazione del Mondiale 2014, che il Brasile aspetta da 63 anni. Se la Confederations Cup dovesse essere interrotta, non ci sarebbe nessuna possibilità per il Brasile di ospitare fra un anno la Coppa del mondo.

THE SHOW MUST GO ON - E in senso assoluto, la Fifa è contraria ad interrompere le grandi manifestazioni, come si era capito anche nell'edizione 2003, quella giocata in Francia, quando era morto sul campo il camerunense Defoe e Blatter aveva preteso che si andasse avanti,"perchè non avrebbe senso fermarsi". Già nei mesi scorsi, però, la Fifa non aveva nascosto le perplessità per come stava procedendo l'organizzazione. Il segretario generale, Jèrome Valcke, aveva denunciato una disorganizzazione generale e gravi ritardi nella costruzione non solo degli stadi, ma anche delle infrastrutture. Si era aperto un caso diplomatico, era stato costretto a intervenire Blatter in persona, per ricomporre il caso, ma i fatti stanno dando ragione a Valcke e mai una marcia di avvicinamento ad un Mondiale aveva avuto momenti così drammatici come quelli attuali. 

Fonte: corriere.it

Commenta Stampa
di Luca G. Zanini
Riproduzione riservata ©

Correlati

21/06/2013, 07:49

Una squadra cinese su Calaiò