Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Contro il caro assicurazioni Mo Bast!


Contro il caro assicurazioni Mo Bast!
28/01/2013, 08:33

Il caro assicurazioni, specie nelle regioni meridionali, è diventato una sorta di piaga sociale. Un dramma che non solo vessa i cittadini, ma sta letteralmente affossando la vendita delle due e quattro ruote. Tra le associazioni culturali impegnate in prima linea per debellare questo fenomeno c’è la Mo Bast! Capitanata dalla combattiva e gagliarda Gabriella Gambardella, una delle sue ultime petizioni ha goduto della sottoscrizione dei sindaci Luigi De Magistris, Pio Del Gaudio e Vincenzo De Luca: “Mo Bast! – sottolinea Gambardella – è l’esempio d’aggregazione pacifica tra cittadini, uniti nello scopo di combattere il razzismo assicurativo. Nel luglio del 2011 abbiamo portato in piazza la nostra raccolta firme, la cui petizione è stata presentata Parlamento Europeo. Questo perchè abbiamo sempre saputo che la lobby assicurativa ha forti radici all'interno dei palazzi istituzionali. Ci siamo rivolti all’UE, ente supremo per la tutela dei consumatori. Nel 1994 tramite una direttiva inviata a tutti i paesi membri, si sono liberalizzate le tariffe obbligatorie per la Rc Auto. Liberalizzare è un termine economico che nasce come antitesi del monopolio. In Italia, invece, si è inteso lasciare libere le compagnie di spremerci come limoni maturi”. L’obiettivo della Mo Bast! è semplice: “Tariffe eque – dice Gabriella – regole chiare e scritte. Bisogna ritornare al concetto stabilito dalla legge 990 di tutelare la collettività. Diciamo basta alla tutela delle solite lobby”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©

Correlati

28/06/2013, 12:17

Rca Napoli, si corre ai ripari