Sport / Calcio

Commenta Stampa

TRA CESPUGLI VICINO STADIO TUBI, PETARDI E COLTELLI

Coppa Italia, 1 arresto e 5 denunce nel pre-partita


Coppa Italia, 1 arresto e 5 denunce nel pre-partita
20/05/2012, 22:05

È di cinque denunciati e un arrestato il bilancio dei servizi messi in atto dalle forze di polizia nel corso delle operazioni di pre-filtraggio e filtraggio ai varchi di ingresso allo stadio Olimpico di Roma in occasione della finale di Coppa Italia. L'accusa per la persona arrestata è il lancio di petardi. Tutti sono stati sottoposti a daspo per una durata da uno a quattro anni. In quattro casi, alla base delle denunce e del provvedimento interdittivo adottato dal questore figura il possesso o il lancio di petardi o fumogeni. In un caso la denuncia è scattata per l'aggressione a uno steward, mentre per un romano di 23 anni il motivo è il lancio di un oggetto da un balcone in concomitanza con un passaggio di un pullman dei tifosi del Napoli sotto il suo palazzo. Del gesto il ventitreenne non ha dato alcuna spiegazione. I servizi ad ampio raggio messi in atto anche nelle aree vicine allo stadio che hanno monitorato l'afflusso dei tifosi, hanno consentito il rinvenimento di oltre 60 tubi idraulici di plastica, quattro coltelli, nove artifici pirotecnici e un cappuccio in genere utilizzato per coprire il volto. Sono in corso accertamenti per verificare se il materiale sequestrato sia stato abbandonato nei cespugli dai tifosi in conseguenza ai rigidi controlli nei pressi dei luoghi di sosta predisposti per il pullman dei supporter delle due squadre oppure se era stato occultato per essere utilizzato al termine della gara durante le fasi di deflusso.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©