Sport / Vari

Commenta Stampa

COPPA ITALIA: IL NAPOLI VINCE IL DERBY IN SCIOLTEZZA


COPPA ITALIA: IL NAPOLI VINCE IL DERBY IN SCIOLTEZZA
13/11/2008, 08:11

Era un Napoli-bis quello schierato ieri sera da Reja, nell'incontro con la Salernitana, ma in pochi hanno notato qualche differenza nel gioco. Di titolari c'erano solo Hamsick, Gargano, Mannini e Zalayeta; il resto della squadra era composto di pensone che normalmente iniziano la partita in panchina. Anche la Salernitana, impegnata a cercare la promozione dalla serie B non si è sprecata troppo, con numerose riserve in campo. Nonostante, questo, al 4' prova ad affacciarsi verso la porta del Napoli, con un tiro da lontano di Pestrin, che il napoletano Navarro para senza difficoltà. Ben diversa è la reazione del Napoli due minuti dopo: sugli sviluppi di una punizione battuta da Gargano, la palla finisce ad Hamsick che tira, ma Pinna blocca. Nuovo tentativo offensivo della Salernitana, con Di Napoli che tira debolmente, ma Navarro è attento. In questa fase il Napoli sembra contratto e non riesce a giocare. A sbloccare la situazione ci pensa al 16' il salernitano Peccarisi, che su cross di Pazienza - forse sorpreso dal mancato impatto col pallone di Zalayeta - colpisce goffamente la palla e la manda alle spalle del proprio portiere. E l'episodio sblocca il Napoli, che un minuto dopo si ripresenta con un colpo di testa in tuffo dell'attaccante di colore del Napoli, che viene bloccato da Pinna. Ma nulla può il pur bravo portiere salernitano al 25' quando una velocissima azione del Napoli porta Hamsick a passare a Mannini, che crossa basso per Pià, che a sua volta non ha alcuna difficoltà ad appoggiare il pallone a porta vuota. A questo punto il Napoli abbassa il ritmo, ma nonostante questo si rende ancora pericoloso con un tiro di Hamsick al 26' e con un colpo di testa di Mannini al 34', ma in entrambi i casi il portiere salernitano blocca. La Salernitana prova ad attaccare, ma l'inferiorità tecnica è evidente.

Il secondo tempo si apre con Maggio che sostituisce Mannini, che era stato toccato duro alla fine del primo tempo. La Salernitana si getta all'attacco, per recuperare, e sembra con efficacia. Al 4' punizione dal limite per i granata, batte di Napoli, con la palla che colpisce la barriera e spiazza completamente Navarro. E' il 2-1 che accende le speranze della Salernitana, ma anche la rabbia del Napoli, che in quattro minuti pareggia: Hamsick trasforma il rigore che l'arbitro concede per una plateale trattenuta in area su Maggio. E' il 3-1. A questo punto le squadre si calmano, un po' per la stanchezza e un po' perchè ormai la partita è chiusa, tanto che al 18' Reja fa rientrare in campo Mariano Bogliacino, che mancava dai campi di calcio da tre mesi, cioè da quando si fratturò il quinto metatarso nella partita di Intertoto col Panonios. da notare solo al 37' una traversa piena colta da Zalayeta, ma il quarto gol forse sarebbe stato troppo per i granata. Infine nel recupero Pestrin riesce a macchiare una splendida partita, prendendo due ammonizioni nel giro di 30 secondi, e anticipando la squadra negli spogliatoi di qualche minuto. Ma il Napoli ha vinto, ed adesso aspetta la vincente di Juventus-Catania, che si svolgerà il 14 gennaio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©