Sport / Calcio

Commenta Stampa

Werder Brema-Udinese 3-1

Coppa UEFA: L'Udinese frana a Brema, spera nel ritorno


Coppa UEFA: L'Udinese frana a Brema, spera nel ritorno
10/04/2009, 09:04

Un Quagliarella lezioso e presuntuoso condanna l'Udinese alla sconfitta, nonostante la bella partita.
L'Udinese arriva a Brema con il solito schema del 4-3-3; di fronte il Werder, che fa girare il gioco intorno a Diego. Al 2' l'Udinese subito pericolosa: Wiese esce fuori dall'area per anticipare di testa Quagliarella; la palla finisce a Inler che tenta il pallonetto da 50 metri, ma manca la porta. Ma è solo un fuoco di paglia, per il momento. La partita è molto tattica con le squadre che non riesconoa costruire azioni pericolose, tranne qualche cross nelle aree. Al 25' Sanchez prova con un tiro da fuori, che viene respinto dal portiere tedesco. Al 30' c'è un tiro di Naldo, che colpisce la traversa. Poi sul prosieguo dell'azione Pizarro fa fallo su Handanovic e segna, ma il gioco era fermo. Al 34' palla a Diego, che segna con un preciso diagonale, superando Handanovic. E' l'1-0, che spezza l'equilibrio. L'Udiense prova ad attaccare e al 40' Sanchez riceve un pallone d'oro da D'Agostino, ma sbaglia il controllo. Al 42' è ancora Diego che ci prova con un tiro al volo, ma il pallone viene parato dal portiere dell'Udinese.
Nella ripresa, non cambia il registro delle azioni. Al 2' Asamoah lancia Quqgliarella che prova a segnare di fino con un pallonetto, ma il pallone finisce fuori. Al 10' è ancora Quagliarella a concludere a porta con un colpo di testa, ma WIese è attento e blocca. Al 12' Frings prova la conclusione, ma trova l'opposizione di Asamoah. Al 14' di nuovo viene smarcato Quagliarella di fronte a Wiese, ma l'attaccante italiano cerca di fare la cosa più difficile e il suo pallonetto viene respinto dal portiere tedesco. Al 22' la palla arriva a Diego, che salta D'Agostino e con un tiro preciso insacca il 2-0. Neanche il tempo di respirare e il Werder Brema va di nuovo in porta, con Hugo Almeida che viene lanciato sul filo del fuorigioco, supera Handanovic e sono 3. Il Werder ha messo al sicuro la partita. L'Udinese prova a spingere per recuperare, ma è troppo confusionaria. E quando non lo è, ci pensa Quagliarella a sprecare, come al 37', quando l'attaccante italiano mette alto l'ennesimo pallonetto fallito. Al 40' ci prova D'Agostino su punizione, con Wiese che fa un miracolo per arrivarci. Al 43' Zapata scende sulla destra e crossa al centro, con Quagliarella che segna con una botta sottomisura. E' il 3-1, che permette all'Udinese di sperare. L'ultimo brivido nel finale, quando Quagliarella prova a segnare con un tocco in mischia, ma la palla esce fuori.
Adesso l'Udinese deve fare una grandissima gara di ritorno, per vincere con due gol di scarto almeno, tra 15 giorni ad Udine.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©