Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ADDIO

CORE 'NGRATO


CORE 'NGRATO
27/08/2010, 09:08

Ci sono cose nella vita che non si possono comprare. La frase è risaputa, per via di un famoso spot, ma quantomai vera. Non tutto si pesa coi soldi, nè con le ambizioni. Giocare per la propria città è una di queste. C'è un filo sottile che lega Fabio Quagliarella ad altri campioni del passato calcistico, napoletano e non. Volti che avevano promesso di legarsi al braccio la causa della propria squadra, prima di dimostrare di non conoscere il significato calcistico di "bandiera". E a nulla serve giustificarsi attribuendo le colpe all'allenatore. Sarebbe come dire che ci si separa dalla moglie per colpa della suocera. Se la moglie si ama, nulla può compromettere una grande storia e lanciarti tra le braccia di un'altra (Vecchia) Signora. Quagliarella ha deciso. Va alla Juventus. Ieri ha provato a spiegarlo a parole ai tifosi, che, a giusta ragione, non hanno compreso. Per loro era il simbolo, l'uomo che forse più di tutti li rappresentava in campo. Un pezzo di cuore, insomma. Ora un "Core 'ngrato". Ingrato come quel Josè Altafini che allo stesso modo disse addio alla maglia azzurra. Era il 1972, e dopo sette fantastici anni all'ombra del Vesuvio, il fuoriclasse italo-brasiliano decise di lasciare Napoli per la Juventus. Trentotto anni dopo, Napoli ha il suo nuovo "Core 'ngrato". Ancora una punta, ancora con le valigie pronte per fuggire in destinazione Torino. Altafini si guadagnò quel soprannome perchè con la maglia delle zebre siglò la rete che spezzò i sogni scudetto del Napoli nel campionato '74/'75. Ma Altafini, seppur grande campione, restava solo un brasiliano qualunque per Napoli. Per Fabio Quagliarella, invece, sarà diverso. Lui quella maglia l'ha sognata, l'ha voluta, l'ha conquistata e baciata ad ogni gol messo a segno. Lui, di Castellammare di Stabia, ha tifato sempre azzurro. Eppure ha scelto il bianconero. Napoli ora lo piange. Chissà che non sia lui ben presto a rimpiangere Napoli.  

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©