Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Il presidente del Brescia

Corioni: "Napoli, hai preso il nuovo Zidane"


Corioni: 'Napoli, hai preso il nuovo Zidane'
25/08/2012, 13:02

"Napoli, hai il nuovo Zidane". Su Radio Crc a "Si gonfia la rete" è intervenuto Gino Corioni, presidente del Brescia, per parlare della cessione di Omar El Kaddouri: "Faccio i complimenti a De Laurentiis perchè con El Kaddouri ha comprato un grande giocatore che potrà diventare il nuovo Zidane. Il presidente del Napoli sa valutare anche i giocatori che giocano nella serie B e quest'operazione l'ha confermato. La trattativa devo dire che è stata conclusa in poche ore. De Laurentiis sa rischiare ed è un bravo imprenditore. Guardo sempre con affetto il Napoli ed i suoi giocatori perchè la squadra di De Laurentiis ha in rosa il mio gioiello Hamsik, adesso avrà anche El Kaddouri. Ci sono stati, poi, anche Santacroce e Mannini. Tutte le volte che il Napoli ha fatto operazione col Brescia non ci ha mai rimesso, anzi. E anche stavolta, con El Kaddouri, vedrete che chi ci guadagnerà, sarà ancora una volta il Napoli. Dovete sapere che volevo rinnovare il contratto ad El Kaddouri ma ha avuto un procuratore deficiente, e non mi riferisco a Raiola che è un professionista serio, che non gli ha fatto prolungare il contratto con il Brescia. Ecco perchè ho praticamente regalato la prima metà di El Kaddouri ma la seconda metà immagino che costerà di più. De Laurentiis è stato bravo, l'ha preso al momento giusto. I club che erano interessati a El Kaddouri? È vero, in molti erano interessati al calciatore. Purtroppo quanto parlano fanno gli amici ma poi aspettano che tu possa "morire" per prendersi il calciatore. De Laurentiis, invece, è stato leale. Il Brescia quest'anno ha tanti volti nuovi. Voi del Napoli che cercate un terzino destro, guardate il mio Marco Zambelli. Il Napoli? Se non vincerà il campionato, ci arriverà molto vicino. La squadra azzurra mi piace tanto, e non vedo nessuna squadra superiore al Napoli. Forse solo la Juventus".

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©