Sport / Kart

Commenta Stampa

CRG trionfa sul Circuito Pro Kart di Wackersdorf


CRG trionfa sul Circuito Pro Kart di Wackersdorf
18/06/2011, 12:06

Wackersdorf (Germania). Il successo con Fabian Federer e il terzo gradino del podio conMirko Torsellini nel Campionato Europeo di KZ2 è il bottino più evidente ottenuto dalla CRG sul Circuito Pro Kart di Wackersdorf in Germania, dove si è disputato anche il Campionato Europeo KZ1 e la prima prova del Campionato del Mondo KF1.

Ma la squadra ufficiale CRG è stata protagonista assoluta non solo in KZ2 ma anche in KZ1, dove l’accoppiata dei telai CRG e dei motori Maxter si sono rivelati vincenti per tutto il weekend. Solo la sfortuna di una foratura ad un pneumatico non ha permesso a Jonathan Thonon di poter lottare per la vittoria, così come Arnaud Kozlinski si è dovuto accontentare del miglior tempo assoluto sul giro in finale prima di una uscita di pista causata dalla scarsa aderenza dei pneumatici. In KZ1 è stato così solamente Davide Forè a tagliare il traguardo conquistando fra l’altro un eccellente quinto posto assoluto.

E’ mancato però il risultato finale della vittoria, peccato perché il telaio e il motore Maxter si sono rivelati i più performanti in assoluto. Fra le emozioni vissute a Wackersdorf, è da ricordare l’impresa di Thonon nella seconda manche di qualificazione, quando il pilota belga è riuscito ad aggiudicarsi il successo in un sorpasso al fotofinish con un vantaggio di soli 9 millesimi di secondo proprio su Paolo De Conto, vincitore poi in finale del titolo europeo della categoria.

In KZ2 il titolo è quindi andato al combattivo altoatesino Federer, pilota privato in evidenza fin dalle manches di qualificazione e a proprio agio con un telaioperformante in ogni situazione. Dopo essersi piazzato secondo in prefinale, Federer in finale è riuscito subito a conquistare la testa della corsa e involarsi verso la vittoria rimanendo sempre al comando della gara. Chi poteva ottenere di più è stato il senese Mirko Torsellini, da quest’anno inserito nella squadra ufficiale CRG-Maxter, protagonista assoluto delle manches di qualificazione dove aveva sbaragliato la concorrenza vincendo tutte e cinque le gare eliminatorie. Poi in prefinale Torsellini è stato tamponato quando era in testa e si è dovuto accontentare del quinto posto, in finale ha quindi recuperato fino a conquistare con pieno merito il podio facendo segnare anche il giro più veloce in gara.

Decisamente più sfortunati gli altri due piloti ufficiali della CRG-Maxter, il brasiliano Felipe Fraga è stato costretto al ritiro a metà gara, mentre il sardo Luca Tilloca è incappato in un incidente nelle fasi iniziali della finale quando era in buona posizione.

Nella contemporanea prova del Mondiale KF1, nel primo dei cinque appuntamenti che quest’anno caratterizzano la serie iridata, la squadra della CRG-Maxter ha dovuto affrontare una serie di problemi per la migliore messa a punto del motore Maxter che non hanno permesso ai suoi piloti di poter emergere nelle quattro finali della manifestazione. I migliori risultati li ha ottenuti Felice Tiene, con un 11.mo posto nella prima finale e un 13.mo posto nella quarta finale. In ogni frangente si sono rivelati particolarmente combattivi anche Jordon Lennox-Lamb, Matias Koykka e Laura Tillett, ma anche a loro è mancat o qualche decimo per inserirsi fra i migliori. Tutte e quattro le finali della KF1 sono state dominate da Nyck De Vries su Zanardi.

Giancarlo Tinini, presidente della CRG SpA: “In KZ2 siamo andati bene, la CRG ha ottenuto ancora una volta il titolo europeo, questa volta con Fabian Federer, mentre Mirko Torsellini ha completato il podio. Oltre che con Federer e Torsellini, siamo stati sempre competitivi anche con Celenta, Tilloca e CRGHolland con Pex. In KZ1 però non abbiamo raccolto quello a cui speravamo, riusciamo ad esprimerci meglio su piste veloci. Poi c’è stato il problema delle gomme, e qui la Federazione dovrà intervenire perché è anche pericoloso correre in queste condizioni, con le gomme che scoppiano e non reggono alla durata delle finali. Nella KF1 invece siamo ancora in fase di sviluppo con i nostri motori. Speriamo di poter rivolvere quanto prima i problemi che abbiamo riscontrato.”

Davide Forè (KZ1): “Sono molto contento del quinto posto. Riuscivo a girare sui tempi di De Conto, ma è stata la bagarre dei primi giri a farmi perdere un po’ di terreno dai primi. Ho recuperato dalla decima posizione della prefinale, ma poi eravamo tutti attaccati in appena un decimo di secondo. Ho sfruttato tutto quello che avevo e ho spinto moltissimo per tutta la gara, ma non è stato possibile far meglio in questa pista così tortuosa e stretta. Ringrazio comunque tutta la squadra, il mio meccanico e Tec-Sav per l’assistenza che mi hanno dato.”

Jonathan Thonon (KZ1): “Purtroppo in finale abbiamo subito notato che le gomme non andavano bene, poi è arrivata la foratura e mi sono dovuto ritirare. Peccato perché potevo fare un bel risultato. In prova avevo fatto la pole position, ed ero molto fiducioso. Nella prima manche ho avuto un incidente al primo giro, ma mi sono rifatto nella seconda vincendola di forza su De Conto per 9 millesimi. In prefinale sono partito 16.mo e ho recuperato fino all’ottava posizione. In finale poi mentre ero quinto, in rimonta, ho forato. Mi dispiace per la squadra, ci rifaremo senz’altro al mondiale di Genk in Belgio il 4 settembre.”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©