Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA DE LAURENTIIS

"Criscito? L'avrei preso, ma se mi fa stranire"...


'Criscito? L'avrei preso, ma se mi fa stranire'...
09/06/2011, 12:06

Aurelio De Laurentiis, Presidente del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in esclusiva a Sky Sport24:
SU INLER
“Inler è un giocatore con cui stiamo flirtando da circa un anno. L’Udinese basa le sue strategie societarie sul vivaio e sui giovani ed un giocatore come lui, che ha ormai raggiunto la maturità, tende a cederlo. Noi lo vorremmo prendere, ma io so che vuole una clausola rescissoria – afferma il Presidente guardando dritto in camera - e voglio dirgli due parole: Caro ragazzo, ma quanto ti interessa a te di venire a Napoli? Devi venir qui per usare la vetrina della Champions per metterti in mostra e poi andare da qualche altra parte? La nostra squadra è un punto d’arrivo non una tappa di passaggio. Caro Inler, ricordati: il Napoli è una fede”.
SU CRISCITO, PALACIOS ED HAMSIK
"Preziosi è un amico e mi dice sempre: "Aurè, possibile che non riesco mai a venderti un giocatore"? Ora l’abbiamo fatto, l’operazione Criscito è chiusa. Dobbiamo solo trovare l'accordo con il calciatore, adesso dipende da lui. Se mi fa stranire, è difficile che si concretizzi l’affare. Ma se, invece, accetta di vestire i colori azzurri a certe condizioni… Dimostrasse quanto tiene alla sua città.
Palacios? Potrebbe essere un rinforzo in vista della Champions, ma dobbiamo verificare il suo stato di salute dopo l'infortunio.
Hamsik? Per lui, al di là delle sue qualità di calciatore che sono evidenti, ho un affetto paterno. Desidero non perderlo perché ammiro la sua serietà e il suo modo di comportarsi”.
SU MAZZARRI
 "Sto lavorando per costruire un grande Napoli per il prossimo quinquennio, che sia una squadra importante con lui, Mourinho o Villas Boas in panchina - dice in tono scherzoso - Vorrei solo che il nostro tecnico incarnasse maggiormente la napoletanità: mi piacerebbe vederlo un giorno in allenamento tutto vestito d'azzurro"!

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©