Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA CAMPAGNARO

"Critiche eccessive, vogliamo la Coppa Italia"


'Critiche eccessive, vogliamo la Coppa Italia'
03/02/2012, 15:02

Hugo Campagnaro è l'ospite del salottino di Marte Sport Live: "Negli ultimi due anni ho segnato a San Siro, noi andremo a fare una grandissima partita contro una squadra tra le più in forma. Bisogna fare il massimo". Campagnaro ha segnato al Milan nel marzo 2010: "Il primo fu un po' particolare, giocai esterno sinistro di centrocampo, posizione un po' così, ma la squadra aveva bisogno. Mi trovai lì con la porta vuota. Poi ho segnato contro l'Inter che ci ha dato i tre punti. Fu davvero importante". La squadra ha voglia di riscatto: "Non vinciamo da quattro partite, ma siamo pronti. I tifosi ci chiedono qualche risultato positivo in campionato e noi ci proveremo. Le critiche? Secondo me sono state eccessive, siamo ancora in corsa in Champions League e in Coppa Italia, dove abbiamo raggiunto la semifinale. Noi non sottovaluteremo il Siena. Proveremo a passare il turno. In campionato cercheremo di migliorarci, ma non possiamo affrontare tutte e tre le competizioni al massimo. Sono convinto che i tifosi sono soddisfatti del nostro rendimento. Ci sono mancate energie in campionato, ma questa partita ci carica tanto. Il salto di qualità è affrontare tutte le gare senza differenze, ma noi abbiamo un gioco diverso rispetto a Milan e Inter. Dobbiamo essere al 100% per essere protagonisti. Ci manca anche un pizzico di fortuna, però la ruota deve girare e possiamo dare il massimo. Io credo che si possa fare". E' il momento più caldo della stagione: "Queste partite si preparano da sole. Fisicamente stiamo bene. Errori difensivi? Alcuni gol si possono evitare, il problema non è l'organizzazione, ci sono disattenzioni individuali e c'è bisogno di un'attenzione maggiore. Noi prevedibili? Abbiamo difficoltà contro le squadre che si chiudono dietro, però quando siamo al massimo, ce la facciamo lo stesso anche se gli avversari chiudono le fasce laterali. L'Argentina? Ho visto il suo secondo, Claudio Gugnali, e mi ha detto che mi stava seguendo. Per ora, non ci sono tante partite con la nazionale argentina, io penso al Napoli, poi vedremo cosa succederà. La Coppa Italia? Sarebbe bello vincere qualcosa, non c'è nulla di scontato con il Siena, ma abbiamo l'obbligo di provarci. Noi siamo un gruppo consolidato e ci diamo una mano, pensiamo soltanto a noi stessi. Comunque ora c'è il Milan, ha tanta qualità e bisogna essere al top. Boateng? E' importantissimo, la sua assenza conterà per i rossoneri. Ibrahimovic? Ha fatto la differenza negli ultimi campionati. E' difficile marcarlo, ha un repertorio completo. Non basta controllarlo in maniera stretta, è imprevedibile".

La partita si giocherà alle 15: "Non so quanto sia meglio rispetto alla sera. Evidentemente ci saranno dei vantaggi, per noi non ci saranno differenze". Il Napoli si è lamentato degli arbitri: "Non li ho rivisti in tv, c'è stato qualche episodio strano. Il gol di Pandev era regolare, ci mancano dei punti. Ora pensiamo soltanto ad allenarci".

 

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©