Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Csi Vaticano:"Attendiamo scuse da Rosi e Lavezzi"


Csi Vaticano:'Attendiamo scuse da Rosi e Lavezzi'
15/02/2011, 16:02

Dopo il pugno di Chivu durante Bari-Inter e' arrivato lo sputo di Rosi e Lavezzi durante Roma - Napoli. Al di la' del Tevere, ovvero in Vaticano, tutto cio' non e' piaciuto e infatti ''pur senza voler fare retorica - dichiara il membro di Giunta Coni, Massimo Achini, presidente Nazionale del Centro Sportivo Italiano, il principale ente di promozione sportiva di ispirazione cristiana, che organizza il campionato di calcio pontificio 'Clericus Cup' - ma sono preoccupato per alcuni episodi che rischiano di essere molto dannosi per i ragazzi e per lo sport''. ''Vorrei ricordare a tutti i calciatori che con il loro comportamento sono esempi e modelli per migliaia di giovani - dice ancora il presidente del Csi -. A tutti capita di sbagliare. C'e' pero' una netta differenza tra l'atteggiamento di Chivu e dell'Inter, che hanno chiesto subito scusa in diretta e successivamente in un comunicato ufficiale e quello invece di Lavezzi, Rosi, del Napoli e della Roma che, tra ricorsi e scambi di accuse, non si sono mai preoccupati di chiedere scusa per il triste spettacolo che hanno offerto''. Secondo Achini, ''a tutti puo' capitare di sbagliare, ma ciascuno deve prendersi le proprie responsabilita' ed imparare a chiedere scusa ai ragazzi e a chi crede nei valori dello sport. Migliaia di allenatori e dirigenti che - come volontari - operano nelle societa' sportive di base del Paese si ritrovano a fare i conti con alcuni ragazzi che - vedendo alcuni episodi in tv - rischiano di ripeterli perche' li hanno visti fare dai loro campioni. Il mondo del calcio offre tanti esempi positivi e questi vanno valorizzati. Tuttavia episodi negativi stanno diventando relativamente frequenti ed esiste la preoccupazione che non restino casi rarissimi e isolati ma diventino fenomeni abituali. Proprio per questo vanno denunciati in tutta la loro gravita''(Ansa)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©