Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA DOSSENA

"Da Liverpool a Napoli, dalle stalle alle stelle"


'Da Liverpool a Napoli, dalle stalle alle stelle'
10/10/2010, 11:10

"Sono davvero felice, Napoli è un ambiente speciale". Alla base della crescita e della piena consapevolezza di Andrea Dossena c'è la luce azzurra. Come un'esperienza spirituale ancor prima che calcistica. L'esterno si racconta a Radio Marte e, forse per la prima volta, rivela apertamente tutte le emozioni vissute dallo scorso gennaio quando arrivò in città...

"Sono contento perché finalmente mi sto imponenedo per quello che so fare. Riesco ad esprimermi al meglio e sto dimostrando ciò che ho sempre avuto dentro. La forma ritrovata mi consente di dare il massimo e contribuire alla crescita della squadra. Ma ciò che mi rende più felice è vedere i tifosi testimoniarmi affetto e stima. Questa è la più bella soddisfazione dopo sei mesi in cui ho sofferto di vari infortuni. Questa città ti ragala entusiasmo e stimoli. Sin dal primo giorno ho sentito un ambiente speciale e non vedevo l'ora di ricambiare questa passione. Ho lavorato duro e adesso sono davvero felice. Ad essere sinceri dal clima di Liverpool a quello di Napoli per me è stato come passare dalle stalle alle stelle".

A proposito di Liverpool, si avvicina il derby personale coi Reds.."Non posso negare che sia un match particolare per me, soprattutto quello del ritorno ad Anfield. Però la prima cosa che dirò ai miei compagni nello spogliatoio è che non dobbiamo pensare di giocare contro gli extraterrestri. Il Liverpool è fortissimo, ha una grande storia, merita rispetto e tanto di cappello. Però noi dobbiamo essere consapevoli della nostra forza e coscienti che se diamo il massimo possiamo giocarcela contro chiunque. Sarà un match affascinante ma adesso dobbiamo pensare prima al Catania, essere concentrati sul prossimo impegno. Il nostro compito è scalare gradino dopo gradino. Ed in Sicilia non sarà facile affrontare un avversario agguerritissimo. La partita più complicata è sempre quella che viene per prima".

Napoli secondo in classifica ed un segreto chiuso in quattro mura..."La nostra forza è lo spogliatoio. Qui ci sono tutti ragazzi che hanno come principale pensiero quello di portare in alto i colori azzurri. Sentiamo tanto questa maglia e quando le cose non vanno bene noi siamo i primi ad essere arrabbiati. C'è grande unione, tutti ci veniamo incontro e ci aiutiamo per quelle che sono le nostre esigenze. C'è uno spirito di unità totale, siamo tuti entusiasti e non molliamo mai anche nei momenti di difficoltà. Non a casa si fanno tante rimonte, vuol dire che la mentalità è giusta. Per impegno e personalità questo gruppo è encomiabile. Poi le partite le possono decidere gli episodi ma i nostri tifosi hanno capito che in campo diamo l'anima".

La famosa Anima di Mazzarri..."Con il mister c'è un rapporto eccezionale. Personalmente mi sprona, mi aiuta, facciamo anche battutine per tenere alto il morale. Ma Mazzarri ha attecchito con ogni componente del gruppo e della Società. E' un grande lavoratore ed io amo tanto lavorare per migliorarmi. Diciamo pure che io e lui professionalmente parliamo la stessa lingua".

 fonte:sscnapoli.it

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©