Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE "IL MATTINO"

"Da Ronaldo a Sanchez, tutti pazzi per Vargas"...


'Da Ronaldo a Sanchez, tutti pazzi per Vargas'...
22/12/2011, 11:12

La Vargas-mania è una cura per malati di calcio raffinato ma provoca molti effetti collaterali. Alcuni esempi: trovare una maglia numero 17 a Santiago del Cile nelle ultime ore è impossibile, circa duemila esemplari andati in fumo dopo la notizia del suo trasferimento-record al Napoli. Questa sera Edu giocherà contro la Universidad Catolica (ore 19 locali, le 23 in Italia) nella gara che potrebbe regalare ai los Azules la storica finale del Clausura. A vederlo allo stadio, ci sarà anche Alfonso De Nicola, il medico del Napoli: domani mattina lo sottoporrà alle visite di rito e poi darà l'ok all'ingaggio. Questione di dettagli, ma è tutto definito: Vargas è azzurro per 14,5 milioni di dollari. Mai nessuno ha pagato così tanto per un cileno. L'Udinese, nel 2008, prese Sanchez per poco meno di 2 milioni. Ronaldo gli ha dedicato uno dei suoi tweet recenti: «Quanto è forte la punta dell'Universidad».
Ognuno accende i paragoni che si merita. Vargas, prezioso cileno annata 1989, riceve l'investitura persino da Alexis Sanchez (entrambi hanno iniziato nel Cobreloa) che ieri è rientrato nel suo Paese. «Vargas è fortissimo, porterà in alto il nome del Cile in Europa. Sono fiero di lui». Ha messo a segno 30 reti nel 2011 ed è impegnato in un serrato testa a testa nientemeno che con il brasiliano Neymar per il Pallone d'oro sudamericano. In una breve intervista rilasciata a Fifa.com Vargas si è confessato: «Io il più forte giocatore cileno? Non lo so, devo dimostrare ancora molto» La mamma Pamela ha confessato che da piccolo la sua passione per il calcio aveva talmente preoccupato i suoi insegnati da spingerli a mandarlo da uno psicologo: «Passava ore e ore chiuso nel bagno con il pallone». Diventa famoso dopo aver vinto un reality sul calcio. Ora si prepara al palcoscenico della Champions League.
FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©