Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

JUAN JESUS

Dal Brasile la nuova scommessa



Dal Brasile la nuova scommessa
29/08/2011, 10:08

Appena vent'anni e già un itolo iridato con la sua nazionale. Siamo cauti. L'oro mondiale è arrivato con la nazionale di categoria. Quel Brasile under 20 che ha incantato agli ultimi mondiali in Colombia. E di cui Juan Guilherme Nunes Jesus, per tutti Juan, era un punto fermo. 

CARTA D'IDENTITA' - Nato a Belo Horizonte il 10 giugno del 1991, Juan incarna bene il prototipo di difensore brasiliano. Buon fisico (è alto 185 centimetri per 83 Kg di peso), discreta tecnica e propensione alla spinta offensiva. Oltre ad un piede sinistro sensibilissimo e buona corsa. Manca ancora di sagacia tattica, ma quello è un fattore conosciuto solo nei campionati europei. In quello carioca, dove Juan gioca da due anni con la maglia dell'International di Porto Alegre, squadra in cui è cresciuto anche a livello giovanile, il difensore si trasforma in "volante" ed attacca spesso lo spazio. Così fa la 20enne stellina brasiliana.

PALMARES - Ancora giovanissimo, ma già una buona esperienza in tema di grandi competizioni. Non solo il Mondiale Under 20 per Juan. Con l'International in due anni ha vinto la Coppa Libertadores (pari alla Champions League europea) e la Recopa Sudamericana. Per lui, cresciuto da piccolo con il calcio a 5, i primi successi nel mondo dei professionisti. Con  la Nazionale, poi, sempre quest'anno ha vinto in Perù il Campionato Sudamericano under 20.

PARAGONI - Il fisico del suo omonimo, Juan (difensore della Roma), ma la propensione e progressione offensiva di un altro brasiliano: Lucio (difensore dell'Inter). Il neo acquisto del Napoli è più frequentemente paragonato al secondo che al primo suo connazionale. Poco importerà ai tifosi del Napoli. Se ripercorrerà le orme di almeno uno dei due, in casa azzurra ci si ritroverà di sicuro un grande campione.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©