Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Le Nazionali

Danimarca-Italia 2-2. Insigne contro l'Armenia al San Paolo

Anche la Colombia di Armero qualificata. Cavani sconfitto

Danimarca-Italia 2-2. Insigne contro l'Armenia al San Paolo
12/10/2013, 11:03

Tre giorni di riposo per ritrovare le forze e concentrarsi al meglio per il big-match contro la Roma e poi quello con il Marsiglia in Champions League. Nonostante questo breve periodo di relax, c’è anche chi ieri si è recato comunque al centro sportivo di Castelvolturno: tra questi c’è Marek Hamisk che sta seguendo una tabella personalizzata preparatagli dal prof. Paco De Miguel. Anche Britos e Zuniga presenti ad allenarsi insieme ad Albiol che accusa ancora un dolore alla coscia ma prova a stringere i denti per la gara contro i giallorossi. Ieri in tarda sera si sono concluse anche le ultime partite valevoli per la qualificazione ai mondiali del 2014. Gli azzurri di Prandelli si vendicano del famoso “biscotto” del 2004 pareggiando contro i danesi per 2-2 allo stadio Parken, spegnendo le ultime speranze della Danimarca di qualificarsi. Non è stato schierato in campo Lorenzo Insigne che il ct azzurro probabilmente farà giocare nella prossima partita dell’Italia contro l’Armenia in quella che è ormai diventata la sua seconda casa, al San Paolo. Risultati positivi anche per il blocco svizzero del Napoli: Behrami, Inler e Dzemaili vincono e strappano il biglietto per la fase successiva mentre Pandev perde l’opportunità di andare al mondiale con la sua Macedonia. L’Argentina di Lavezzi ma anche di Fernandez, già qualificata, vince 3-1 contro il Perù proprio grazie a una doppietta del Pocho e a un gol di Palacio. Grande soddisfazione anche per la Colombia di Armero e Zuniga che, trascinata dai gol di Radamel Falcao si conquista il secondo posto del girone strappando un pareggio in rimonta contro il Cile di Vidal. Male invece l’Uruguay: sconfitto per 1-0 dall'Ecuador. Cavani e Gargano restano aggrappati alla speranza dello spareggio contro la Giordania per guadagnarsi un posto tra le grandi del palcoscenico mondiale.

Commenta Stampa
di Luca G. Zanini
Riproduzione riservata ©