Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ONESTA' DI HAMSIK

"De Laurentiis crede in me, devo essere corretto"


'De Laurentiis crede in me, devo essere corretto'
26/07/2011, 11:07

Ecco alcune delle dichiarazioni più significative della lunga intervista rilasciata da Marek Hamsik alla Gazzetta dello Sport:

Ma ci dica la verità, Marek: lei, in cuor suo, ha mai desiderato il Milan?
«In cuor mio non vedo l'ora di ascoltare la musichetta della Champions all’ingresso in campo al San Paolo, quello che sarà del futuro per ora non mi interessa, non sarebbe corretto nei confronti del presidente De Laurentiis, che in me ha creduto fin dal primo momento».
E proprio il suo presidente, nei vostri colloqui privati, le ha mai imposto espressamente di non farsi distrarre dalle sirene di mercato?
«No. Ho incontrato il presidente in ritiro, non mi ha detto nulla, ma so che mi ha sempre difeso e di questo sono stato contento».
Eppure a qualcuno lei è apparso poco convinto nel saltellare con i tifosi al ritmo di «Chi non salta rossonero è», nel giorno della presentazione ufficiale...
«Macché, è stato invece un bellissimo momento. Ognuno reagisce a suo modo, con le proprie emozioni e i propri tempi: saltare con i tifosi e sentire gli applausi di quella gente mi ha reso davvero felicissimo. Mi ha commosso».
Almeno un altro anno al Napoli l’aiuterà a crescere: poi sarà magari una naturale conseguenza il Milan o un altro grande club, il Barcellona oppure il Real Madrid?
«C'è sempre da migliorare e da crescere. Qui a Napoli posso farlo con la giusta serenità e le giuste motivazioni. Se un giorno uno di questi club mi vorrà, deciderò che fare insieme col Napoli».

FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©