Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

ADDIO POCHO?

De Laurentiis:Se Lavezzi va via prendiamo Jovetic


De Laurentiis:Se Lavezzi va via prendiamo Jovetic
21/07/2011, 23:07

DIMARO, 21 luglio - I gioielli non si muovono. Dopo le rassicurazioni di De Laurentiis, arrivano anche quelle di Mazzarri: Cavani, Lavezzi e Hamsik resteranno al Napoli. Il tecnico azzurro ha risposto in serata in ritiro alle domande dei tifosi, accompagnato dai nuovi acquisti Inler, Donadel e Dzemaili, esprimendo tutta la sua soddisfazione: «Sapete benissimo che per ogni allenatore è importante avere giocatori bravi, io terrei tutti se fosse per me ma poi ci sono le esigenze della società. Se a volte qualche giocatore che vuole andare via perché dopo tanti anni non ha più stimoli, è meglio accontentarlo: ma questo non è il caso nostro. Cavani, Lavezzi e Hamsik resteranno al Napoli, c'è la loro volontà. Proprio ieri con Marek ho parlato e l'ho visto voglioso di iniziare il nuovo campionato. È entusiasta di rimanere, lo posso dire anche ufficialmente. Lui è un giocatore con delle qualità offensive non indifferenti, è eclettico e, secondo me, non può essere sacrificato a fare il mediano».

TENDENZA - Mazzarri ha poi ribadito la volontà di portare avanti le sue idee tattiche: «La mia difesa a tre fa tendenza? Dovreste chiederlo ai miei colleghi. I santoni del calcio dicevano "la difesa a tre è superata", il campo ha detto il contrario e questo è un motivo d'orgoglio per me. Molti tifosi, anche di altri squadre, mi hanno fatto i complimenti perché si sono divertiiti a vedere il Napoli. Il Napoli andrà avanti con lo stesso modulo, l'anno scorso ha espresso un bel calcio e forse solo l'Udinese ha giocato al nostro livello. Abbiamo ricevuto riconoscimenti anche dall'estero».
 
GLI OBIETTIVI - Mazzarri è anche chiaro sugli obiettivi della prossima stagione azzurra: «Noi vogliamo parlare sul campo cercando di onorare tutte e tre le competizioni alle quali parteciperemo. Vogliamo fare bene per i tifosi. Ci sarà spazio per tutti e le occasioni saranno tante. La cosa certa è che non guarderò in faccia a nessuno».

CLAMOROSO DE LAURENTIIS SULLO STADIO - Clamorosa iniziativa di Aurelio De Laurentiis. Dal palco dove si stava tenendo la "conversazione" tra il tecnico e alcuni tifosi è arrivato l'intervento del presidente azzurro che ha detto la sua sulla situazione dei lavori di ristrutturazione dello Stadio San Paolo: «Sui lavori dello stadio la situazione è molto semplice. Se la ristrutturazione non comincierà per tempo o i lavori non saranno soddisfacenti abbiamo pronta l'alternativa. Ho parlato con Petrucci e ho chiesto la disponibilità dello Stadio Olimpico di Roma per la Champions. Trovando un accordo con le ferrovie dello stato si potrebbero trasportare i tifosi azzurri nella capitale in modo da avere 80.000 tifosi invece che 60.000. Dico questo perché sono un provocatore e non mi faccio mettere i piedi in testa da nessuno. Se il Comune dice no, dice no a voi tifosi, se non sono con noi sono contro di noi. E questo lo sapete benissimo»

DE LAURENTIIS SU LAVEZZI -
Successivamente il presidente ha parlato di Lavezzi: «Come tutti i giocatori è nelle mani del suo procuratore. Bisogna vedere quanto sia capace il suo agente e spero che possa consigliarlo per il suo bene. Noi siamo riconoscenti a lui come lui è riconoscente a noi che lo abbiamo valorizzato. Spero faccia la scelta giusta. Io ho la clausola rescissoria e non posso fare nulla. Mi dispiacerebbe se dovesse andare via, gli faremmo anche una festa al San Paolo per i suoi fan che devono capire che c'è un inizio e anche una fine. Chi vogliamo al suo posto? Forse Jovetic».

INLER E DONADEL - Sicuro delle potenzialità azzurre Inler: «Abbiamo una squadra molto forte e possiamo puntare a fare qualcosa di importante. Se segno contro l'Udinese? Non esulto».  Stregato dalla nuova squadra anche Donadel: «In questo momento credo che pochissimi giocatori di serie A non accetterebbero di venire al Napoli, è un progetto affascinante per tutti».

fonte:corrieredellosport.it

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©