Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL RACCONTO

De Sanctis: "Bello sentire Oj vita mia a Milano"


De Sanctis: 'Bello sentire Oj vita mia a Milano'
03/10/2011, 09:10

Nell'era dei normalizzato­ri, Morgan De Sanctis è un grande portiere normale. Roma lo scopre, e si lascia affascinare, in un pomerig­gio all'Infernetto, quartiere del qua­drante sud- ovest della Capitale. L'occasione è la presentazione di un libro sul ruolo del portiere. De San­ctis è uno dei tredici intervistati tra mostri sacri del pas­sato, grandi certezze del presente e picco­le speranze del futu­ro. Novanta minuti, il tempo di una partita, a parlare con sempli­cità a giovani portie­ri romani radunati dal responsabile dei portieri della scuola calcio Lazio, Alessandro Carta, che con Gino De Luca, nel club biancoceleste anche lui, è l'autore del testo. Tra gli ospi­ti c'è il responsabile del settore gio­vanile della Lazio, il generale Giulio Coletta.

IN CATTEDRA PER I PIU' GIOVANI - La semplicità di De Sanctis è nelle sue parole, nel suo modo di porsi, nel fatto che capisci di avere davanti un giocatore di serie A di una grande squadra italiana, nazionale, tra i più in forma del momento nel suo ruo­lo, che una domenica dopo aver conquistato Milano prende il treno solo soletto e viene a Roma ad ono­rare un impegno preso. E che, per esempio, non ha un tatuaggio! E già, lui ci scherza su così quando glielo fanno notare:"Non ho nulla contro i tatuaggi, diciamo così: ma per non fare polemiche inutili che volete che vi racconti, che non ho ancora trovato quello che mi piace?". I gio­vani portieri e i loro tecnici che so­no in sala al KiFlow, lo ascoltano parlare del suo primo maestro, Gi­no Di Cenzo "persona con la quale ancora mi sento, non spessissimo perché non c'è sempre tempo, ma il filo non si è mai spezzato". E poi co­me si supera la paura di sbagliare: Non sbagliare che è meglio... -di­ce ad Antonio, un giovane portiere della Lazio- Oppure dai la colpa agli altri, perché sai quanto volte la daranno a te. No, seriamente: fai te­soro degli errori, lavoraci. Il portie­re più bravo è quello che sbaglia meno. E questo vuol dire che si sba­glia". E ancora, Alessio vuole sape­re come è dal punto di vista emoti­vo il pre-partita di un portiere: "Io un po' mi emoziono ancora. E que­sto penso sia il bello del nostro me­stiere".

DOPO IL TRIONFO - Inutile negare che davanti agli occhi di tutti, i tifosi del Napoli che sono ovunque e c'erano anche ieri nel pomeriggio romano di De Sanctis, ma pure quelli lazia­li e romanisti presenti in sala, ci so­no le immagini del trionfo azzurro a Milano, sabato sera. De Sanctis a fi­ne partita si è fatto prendere da un'immagine commentata con gli amici più stretti e trasferita alla pla­tea romana: "Lo dicevo stanotte, è bello sentire "oje vita mia" al San Paolo, ma è stato ancora più bello ascoltarlo a San Siro". De Sanctis è attento all'etichetta, quando i ragaz­zi cominciano a chiedergli del Na­poli fa presente agli organizzatori che sarebbe bene parlare del libro e del ruolo del portiere, lasciando il resto fuori, almeno per un pomerig­gio ( e da oggi sarà in Nazionale). Due piccole deroghe sono il massi­mo che può concedere, nulla più: "Il nostro obiettivo? No, parole scomo­de non le pronuncio... Dico che que­st'annobisogna provarci fino all'ul­timo. E come dice il nostro tecnico i conti si faranno alla fine". Gli chie­dono quale è il segreto di questo Na­poli: "Non faccio fatica a dirlo: un presidente grande imprenditore e Mazzarri che sa trasferirci la voglia di soffrire e lottare. Questo ci fa pro­vare a colmare il gap con Inter e Mi­lan".

I SALUTI - Le doman­de dei ragazzi conti­nuano (c'è una scuo­la portieri di Acilia), De Sanctis racconta come è cominciata: "Beh, da bambino non è che avessi troppo il pallone tra i piedi, ma essendo il primo figlio mio padre ci teneva che giocassi al calcio. E così mi sono messo in porta. Ho capito che era il mio posto, che nell'area piccola mi sentivo a mio agio e che fuori da lì potevo far danni". Applausi a scena aperta, Morgan si congeda così: "Fatemelo dire, for­za Napoli". Glielo fanno dire. E lo applaudono ancora.

Fonte: Corriere dello Sport

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©