Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

In 11 contro 10 gli azzurri si fanno raggiungere

Derby della Macron, il Napoli frena a Bologna -video


.

Derby della Macron, il Napoli frena a Bologna -video
19/01/2014, 17:11

NAPOLI - Il Napoli ha iniziato il girone di ritorno con un mezzo passo falso esterno, contro il Bologna, al termine di una gara tanto sofferta quanto vibrante. "Sciupone" il club partenopeo, che era in vantaggio per 2-1 e in superiorita' numerica, per l'espulsione di Kone. Mai domi, invece, gli emiliani, bravi ad acciuffare gli azzurri al 90' e a pareggiare, grazie a una bella doppietta di Bianchi. Resta al terzo posto in classifica la formazione azzurra, che perde pero' due punti rispetto ai diretti rivali Roma e Fiorentina; piccolo passo in avanti invece dei felsinei, che hanno agganciato Chievo e Sassuolo in terzultima posizione. Nei padroni di casa, privi dell'indisponibile Cech, Davide Ballardini si e' affidato nuovamente al 3-5-1-1, con il trio difensivo composto da Antonsson, Natali e Cherubin, con Garics, Kone, Perez, Pazienza e Morleo nella folta linea mediana e con Diamanti a sostegno dell'unica punta Bianchi. Negli ospiti, orfani degli infortunati Reina, Zuniga, Mesto e Behrami, e con i rientranti Hamsik e Cannavaro inizialmente in panchina, al pari di Insigne e Zapata, Rafa Benitez ha optato come sempre sul 4-2-3-1, con Reveillere in difesa, assieme a Maggio, Albiol e Fernandez, davanti a Rafael Cabral, e con il trio Mertens, Callejon, Pandev alle spalle del "Pepita" Higuain. La prima occasione del match ha visto protagonista l'azzurro Mertens, al 10', lesto a calciare dalla sua mattonella preferita, con la palla (deviata) terminata di poco sopra la traversa.
Al 33', poi, e' giunto il primo squillo dei felsinei, con un bel cross da sinistra di Diamanti e una potente "zuccata" di Bianchi, che ha spedito la sfera vicinissima al montante della porta difesa da Rafael. Quattro minuti dopo, sugli sviluppi di un'azione molto simile, lo stesso attaccante ex Torino ha portato in vantaggio i padroni di casa, sfruttando al meglio un assist al bacio dei capitano dei felsinei. Il punto del momentaneo vantaggio dei padroni di casa ha svegliato i partenopei, che, nel recupero della prima frazione, hanno sfiorato il pari con un colpo di testa di Callejon, ben servito da Reveillere. A senso unico, invece, la seconda frazione, giocata sotto una pioggia battente, con gli ospiti padroni del gioco e del campo. Al 14' Higuain, di testa, su cross da destra di Callejon, ha mancato il piu' semplice dei gol. Due minuti dopo Kone ha atterrato in area di rigore Dzemaili e il "Pepita" si e' fatto perdonare, siglando l'1-1 sul seguente penalty. Al 28' Curci ha salvato i suoi compagni, grazie a un prodigioso intervento su una punizione a girare, molto insidiosa di Mertens. Sette minuti dopo l'estremo difensore degli emiliani e' pero' capitolato, arrendendosi a Callejon, servito magistralmente da Higuain. Tutto sembrava finito: invece al 90' Albiol si e' perso in area di rigore Bianchi e l'ex granata ha siglato la doppietta personale e il 2-2 definitivo, che premia oltremodo i padroni di casa, lasciando l'amaro in bocca ai partenopei.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©