Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Domenica a Cava de' Tirreni c'è l'All Trial


Domenica a Cava de' Tirreni c'è l'All Trial
26/05/2011, 19:05

Parte il progetto All-Trial, che vede coinvolte le regioni Campania, Basilicata, Calabria, e Puglia. Il Moto Club Trial Cava, organizza la prima delle quattro prove, che si terrà domenica 29 maggio a Cava de’ Tirreni, Frazione Croce di Cava, località Cannetiello. Sarà un incontro per tutti i trialisti delle regioni meridionali, con lo scopo di riunire tutti gli appassionati della disciplina. Sarà anche occasione per realizzare gare che proporranno percorsi adatti alle esigenze dei praticanti, nel contesto di una situazione economico/burocratica molto accattivante per chi si avvicina a questo tipo di sport.

Il progetto prevede la creazione di una serie di gare denominate All-Trial, che si svilupperanno nel corso dell’anno; si amplia in questo modo l’offerta di manifestazioni per gli appassionati. Si pongono, altresì, le basi per realizzare iniziative locali, con il coinvolgimento dei club che lavorano per il trial. In questo modo si allarga anche la fascia di coloro che potranno partecipare, perché sarà sufficiente avere la tessera Member FMI, naturalmente con moto da Trial e abbigliamento adeguato.

 

Categorie ammesse:

1 – Tessere SPORT

2 – Licenze Juniores (se prevista la partecipazione nelle singole gare)

3 – Licenze Under/Over Fuoristrada Trial categorie: TR4/TR5/TR6/TS/SPORT.

4 - Tesserati FMI

Il programma del 29 maggio prevede l’incontro alle ore 9,00 nella località Cannetiello per dare inizio alla manifestazione.

Le partenze avranno luogo dalle ore 9,30 alle 11,30. I conduttori, che avranno completato le OP, potranno prendere il via ad intervalli di un minuto a loro scelta nel periodo previsto per le partenze.

Questa formula consente anche ai neofiti di intraprendere in modo soft l'attività agonistica.

La gara si svilupperà su otto zone particolarmente facili, tracciate con tre differenziazioni: porte

gialle, porte bianche, porte nere.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©