Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Domenica a Sarno lo spettacolo del Motorsannio-Pirelli


Domenica a Sarno lo spettacolo del Motorsannio-Pirelli
08/10/2010, 13:10

Ritorna il circus del “Trofeo Motorsannio-Pirelli” questo fine settimana sul “Circuito Internazionale Città di Napoli”, di Sarno. Siamo al quinto appuntamento stagionale riservato agli amanti delle Supermoto, e nelle tre categorie è ancora tutto da decidere. Nella S1 a guidare la classifica è il “Cinghialone” Carmine Matarazzo del Moto Club Boccia. A ridosso gli sono la “Volpe del Sannio” Enzo Gnerre, del Moto Club Motorsannio, e la “Freccia di Sorrento”, Pietro Cafiero del Moto Club Penisola Sorrentina. I tre sono divisi da pochi punti, e si preannunciano due manche sconsigliate ai sofferenti di patologie cardiache. Nella Open il discorso riguarda due rider del Moto Club Motorsannio, ossia Massimo De Blasio e Aldo Tartaglione. Quest’ultimo è al comando, ma il suo vantaggio è così esiguo, che non potrà giocare di rimessa. Nella S4 la pratica per il titolo sembra chiusa a favore di Raffaele Gallo, del Moto Club Foggia. Il ragazzo pugliese ha un buon margine su Bartolo Perfetto, del Moto Club Mutria Motorsport, e solo un suo errore può riaprire la pratica. Perfetto, però, sente alle sue spalle la pressione di Francesco Frusciante, portacolori del Moto Club Motorsannio. I due, infatti, hanno praticamente le stesse chanches di conquistare la piazza d’onore, e siamo convinti che non si risparmieranno sull’asfalto battipagliese. Per l’organizzatore-pilota Enzo Gnerre è una delle tappe più belle della stagione: “Quella di Sarno – dice la Volpe – è una pista fantastica, sia per il disegno, sia per le strutture d’accoglienza riservate ai piloti. Il tracciato presenta una parte molto tecnica, dove devi letteralmente pennellare le curve, ed una velocissima, nella quale occorre avere molti peli sullo stomaco….per quanto mi riguarda cercherò di insidiare Matarazzo con una condotta di gara d’attacco in entrambe le manche. Il discorso per il titolo è ancora aperto, e a Sarno vorrò giocare tutte le mie carte”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©