Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Domenica il raduno Italian Cars Club, per chi ama le due e quattro ruote d'epoca


Domenica il raduno Italian Cars Club, per chi ama le due e quattro ruote d'epoca
30/04/2011, 10:04

Il primo maggio sulla pista “Città di Napoli” sarà di scena il primo raduno d’auto e moto d’epoca “Italian Cars Club”. L’evento nasce dalla sinergia del presidente del club Italian Cars Club, Giuseppe Velotti, ed i fratelli Scognamiglio, titolari dell’impianto partenopeo. La passione per le due e quattro ruote che hanno scritto le pagine più belle della storia motoristica d’Italia sarà il leit motiv della manifestazione: “Sarà – spiega Velotti – una giornata dedicata alla passione per gli oggetti che hanno permesso all’uomo l’entrata nell’era moderna. Il settore Epoca vive grazie all’amore per le lamiere sagomate, per le cromature luccicanti, per i pistoni ruggenti. Il programma prevede una sfilata in pista, al termine della quale saranno premiate le auto e le moto più belle e rappresentative. Ci sarà, poi, una gara di regolarità dove si sfideranno i possessori della mitica Fiat 500. Con questa vettura ho un rapporto particolare, perché, oltre ad averne una del 1962, affascina ancora oggi per le sua linea intramontabile”. L’Italian Cars Club è stato fondato nel 2004, ed oggi è tra le realtà più attive del panorama campano: “Siamo – dice Giuseppe – un gruppo di appassionati composto da seicento iscritti. La nostra sede è a Napoli alla Via Luigi Volpicelli 146, ed ogni giovedì sera abbiamo l’abitudine di incontrarci per organizzare le uscite in programma, o semplicemente scambiare quattro chiacchiere su come fare un restauro. Da noi che siano due o quattro le ruote, non importa. Importa, invece, provare amore per i veicoli che rappresentano la testimonianza storica dell’evoluzione della tecnologia nel mondo dei motori”. Come detto sarà la pista “Città di Napoli” ad ospitare l’evento: “Fa piacere – afferma Roberto Scognamiglio, titolare dell’impianto – organizzare feste dove lo spirito è divertirsi tra appassionati di motori. Il nostro circuito è nato nel 2005, ed è lungo 452 metri. Abbiamo ospitato eventi come la finale del campionato italiano minimoto, e siamo l’unico impianto dedicato alla velocità presente sul tessuto cittadino napoletano. Con Velotti è nata una collaborazione che spero continui perché Napoli ha bisogno dell’unione tra persone che amano l’universo dei motori”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©