Sport / Vari

Commenta Stampa

"E' un medicinale per l'asma di cui soffro" la replica

Doping: Chris Froome trovato positivo alla Vuelta


Doping: Chris Froome trovato positivo alla Vuelta
13/12/2017, 10:17

Problemi di doping per Chris Froome, il campione di ciclismo che quest'anno ha vinto sia il Tour de France che la Vuelta. E proprio alla corsa spagnola che Froome è stato trovato positivo ad un broncodilatatore, il salbutamolo. E' un farmaco che viene proibito perchè può aumentare l'ossigenazione del sangue. 

La risposta di Froome è arrivata con un comunicato: "Tutti sanno che ho l'asma e conosco le regole, uso un inalatore per prevenire i sintomi, sempre entro i limiti consentiti, e so perfettamente che sarò controllato ogni giorno che indosso la maglia di leader - si legge nel documento diffuso dallo staff del campione -. Durante la Vuelta ho avuto un peggioramento dell'asma, quindi ho seguito il consiglio del medico della squadra e aumentato la dose di salbutamolo, come sempre, stando attento a non usarne più di quanto permesso. Prendo molto sul serio la mia posizione di leader nel mio sport. L'Uci ha tutto il diritto di esaminare i risultati delle analisi e gli fornirò tutte le informazioni necessarie insieme al mio team". A cui si aggiunge un comunicato del team Sky: "Chris soffre di asma fin dall'infanzia e utilizza un inalatore per prendere un farmaco comune, il salbutamolo, per prevenirne e alleviarne i sintomi. Il salbutamolo è consentito dalle norme Wada quando inalato fino a un limite di 1.600 microgrammi (mcg) per un periodo di 24 ore e non più di 800mcg oltre 12 ore". Il problema è che le analisi hanno mostrato una quantità di farmaco superiore ai 2000 microgrammi, quindi più del consentito. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©