Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Marcello Altamura a Settimana Azzurra su Julie Italia

"Dossena? Importante dargli tempo"


.

'Dossena? Importante dargli tempo'
08/01/2010, 17:01

NAPOLI - “A Bergamo il Napoli ha dimostrato di avere i numeri giusti per giocarsi un posto tra le grandi”, lo afferma Marcello Altamura, giornalista di Cronache di Napoli, nel corso di Settimana Azzurra (in onda ore 21.15 su Julie Italia). La sfida con l’Atalanta è stata una prova di maturità per gli azzurri che ora sono al quarto posto dietro Inter, Milan e Juventus.
La squadra ha un’autorevolezza, una compattezza cose che non si vedevano da anni. Bergamo è stato un esame di maturità importante dove il Napoli ha dimostrato di poter andare su qualsiasi campo e fare la partita, giocare bene. Direi che la svolta impressa dall’arrivo di Mazzarri sta dando frutti insperati”.
Non volare troppo con la fantasia e le speranze, è questo il motto di Mazzarri, condiviso con la squadra, domenica quindi niente distrazioni. Al San Paolo arriva la Sampdoria e bisogna stare attenti. “La Samp ha grande estro, in particolare a livello offensivo. Basta nominare Cassano e associare i gol di Pazzini per avere inquadro di come questa sia una squadra che gioca a viso aperto. Certo, ci sono delle voci di mercato che agitano l’ambiente (Pazzini-Chelsea) però quando hai di fronte talenti del genere non devi concedere spazi”.
Una sfida affascinante con tante storie che si intrecciano: Cassano amato dai napoletani, l’ex Mannini, ex anche Quagliarella e Mazzarri. “Se il Napoli vincerà non potrà più nascondere le ambizioni di finire tra le prime quattro e qualificarsi per la coppa dei sogni, cioè la Champions League”.
Nel corso del programma spazio alle probabili formazioni e, naturalmente, a Dossena. Oggi c’è stata l’ufficialità dell’acquisto: un contratto quadriennale con un ingaggio da circa 1 milione di euro a stagione con un pagamento del cartellino di 4 milioni.
Un affare importante che ha portato un esterno sinistro a Napoli. “Se penso al Dossena di Udine mi piace molto, quello di Liverpool meno ma credo avesse spinte emozionali inferiori – ammette Altamura – può puntare ai Mondiali? Si, non dimentichiamoci che alcuni mesi fa trapelò la notizia che Lippi gli disse che doveva giocare con continuità e se lo faceva in Italia sarebbe stato ancora meglio”. Insomma un sogna da realizzare, così come quello dell’Europa con il Napoli.
“Dossena è più offensivo di Aronica, l’ex Reggina è più equilibrato e si capisce al volo con Mazzarri. Il tecnico dovrà lavorare con Dossena. Voglio dire ai tifosi di non aspettarsi immediatamente un Cabrini redivivo”.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©