Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Due chiacchiere con il baby talento Antonio Scognamiglio...


Due chiacchiere con il baby talento Antonio Scognamiglio...
24/06/2011, 19:06

Il Campionato Italiano Minimoto mai come quest’anno si presenta ricco di spunti e di talenti interessanti. Sulla pista di Corridonia, in occasione della quinta prova in calendario, nella classe Sav ha fatto bella mostra di sé il napoletano Antonio Scognamiglio. Il pilota portacolori del Moto Club Napoli proprio oggi compie 9 anni, ed è tornato all’ombra del Vesuvio con la coppa del terzo classificato; risultato positivo, ma che poteva essere ancora più dolce: “Nelle qualifiche – racconta Scognamiglio – ho strappato il terzo tempo. Spento il semaforo rosso, riesco a mantenere la posizione, e dopo due giri cerco di sorpassare chi mi precede. In particolare con Simone Serinaldi inizio un bel duello che ci vede più volte scambiare la seconda posizione. Mi dispiace dirlo, ma lui con me non è stato sportivo, perché mentre battagliavamo, mi ha ostacolato con una gomitata. La sua azione mi ha fatto sbandare e perdere contatto con la testa. Fortunatamente non sono scivolato, ed ho potuto continuare la gara, che mi ha permesso di salire sul podio. Torno a casa soddisfatto, anche se certi comportamenti antisportivi lasciano l’amaro in bocca. Spero che Simone non commetta più lo stesso sbaglio, perché in fondo scendiamo in pista per divertirci”. Il baby talento campano finiti gli impegni scolastici, trascorre tutto il suo tempo libero sulla pista di Ponticelli, tra le più belle per chi ama la guida sulle piccole ruote: “Il 24 luglio – dice Antonio – saremo sul tracciato di San Mauro per la penultima gara del campionato. In classifica generale sono sesto, ma voglio migliorare la posizione. La minimoto che guido è una Grc, curata dal Team Dps Racing, che non ha nulla da invidiare a quelle degli avversari. Purtroppo non conosco nessuna delle piste sulle quali abbiamo corso o andremo a correre. Da un lato questo mi rallenta, ma dall’altro mi stimola ad imparare in fretta l’andamento delle curve. In questi giorni, dopo essere stato al mare con la famiglia, mi alleno in pista. A dire il vero più che d’allenamento si tratta di divertimento, perché adoro guidare la mia minimoto numero 49”. Auguri!

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©