Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Dzemaili-Yebda: uno viene e uno va


Dzemaili-Yebda: uno viene e uno va
01/07/2011, 12:07

La firma di Antonio Rosati e la sua voglia matta di vestire la maglia azzurra; l'addio a Emilson Cribari, per il quale non verrà esercitata l'opzione per il secondo anno di contratto; l'acquisto del baby Davide Bertocchi, attaccante del Derthona, 19 anni. Tutto ciò nella giornata di ieri, insieme alla rivelazione di Carlo Pallavicino, procuratore di Goran Pandev: «Piace molto al Napoli, Bigon me l'ha chiesto, ma guadagna tanto». Per la precisione, 3 milioni di euro netti a stagione. Tutto questo, si diceva, ieri.

Oggi e i prossimi giorni saranno invece quelli del colpo per il centrocampo. «Inler o Vidal? Quando avremo la certezza che amano il Napoli e vogliono questa maglia, non ci faremo trovare impreparati» , ha detto De Laurentiis. Per lo svizzero ormai ci siamo. Il patron è pronto a scendere in campo in prima persona e chiudere la faccenda. Per il cileno del Bayer Leverkusen invece è sempre complicato, viste valutazione, concorrenza e ingaggio. Questione di soldi, insomma. Come per Lamela.

Ed allora è il caso di fare due conti. Al momento i movimenti in entrata del Napoli sono questi: Dzemaili (9 milioni, oggi l'ufficilità resa nota dal Calcio Napoli); Rosati (3,4 milioni); Fernandez (3 milioni); Dumitru (1,5 milioni per il riscatto dal prestito); Mannini (500 euro); Donadel (svincolato). Totale: poco meno di 17 milioni. In uscita: Iezzo, Gianello, Pazienza, Lucarelli, Cribari (tutti per fine contratto), Yebda (fine prestito), Blasi e Santacroce (al Parma nell'affare Dzemaili). Da queste partenze il Napoli "risparmia"un totale di circa 4 milioni in stipendi. Per i nuovi, però, deve mettere a bilancio un totale di 5 milioni, euro più euro meno. La differenza in negativo è quindi di 1 milione e il totale, di conseguenza, sfiora i 18 milioni. Teniamo questo dato e procediamo.

Il Napoli ha da piazzare un nugolo di giocatori tornati dai prestiti e che non rientrano nei piani di Mazzarri: Bogliacino, Amodio, Bucchi, Cigarini, Hoffer, Rinaudo e lo stesso Dumitru, nonché i giovani Ciano e Insigne. Non solo. Il club azzurro deve cercare sistemazione a Vitale e Sosa. Se ai proventi di queste operazioni (probabilmente tutti prestiti o quasi) aggiungiamo i 3,5 milioni che verserà la Juve per la prima quota di Quagliarella (da poco riscattato), possiamo ipotizzare che dato negativo si attesti poco sotto i 10 milioni. Ecco, questi sono i conti derivanti dal mercato ad oggi. Quasi mezzo tesoretto Champions (circa 20 milioni) è già andato. De Laurentiis è attentissimo ai bilanci (343.686 euro di attivo l'anno scorso; 24 milioni e 600mila euro negli ultimi 4 anni), ed allora è giusto ricordare un po' di cose: Inler costa 17 milioni; Vidal 15, Lamela almeno 10. Servirà attingere ad altre risorse. O allungare la lista delle cessioni. Fonte: Corriere del Mezzogiorno.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©