Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Le indiscrezioni trovano sempre più conferme

El Shaarawy resta al Milan


El Shaarawy resta al Milan
15/07/2013, 15:54

L’estate, come ben sanno gli appassionati di calcio, è periodo di colpi di mercato veri e presunti, molto spesso al centro di un’attenzione mediatica decisamente forte. I tifosi milanisti hanno passato queste settimane in tensione per via della possibile immissione sul mercato di Stephan El Shaarawy, sulla cui permanenza a Milanello erano sorti dei dubbi, soprattutto per via di una parte di stagione di livello qualitativo inferiore rispetto a quella iniziale.

Dopo quasi due anni di maglia rossonera (il suo esordio con il Milan è infatti avvenuto nel settembre 2011), il Faraone, forte anche del suo look decisamente originale, ha fatto breccia nel cuore della curva, diventando un simbolo della nuova squadra post abbandono di vecchie glorie come Maldini e Seedorf.

El Shaarawy resta al Milan. L’ufficialità della sua permanenza in maglia rossonera è arrivata da Adriano Galliani, e tutti quelli che hanno sognato sulle sue gesta in campo, magari digitando il codice promozionale con l’intenzione scommettere su Betfair, possono dormire sonni tranquilli.

Il ventunenne di origine egiziana, dopo una giornata decisamente piena dal punto di vista degli impegni, che lo ha visto a colloquio con l’a.d. rossonero, non ha potuto fare a meno di esprimere la sua gioia per la riconferma con un tweet, affermando di non aver mai avuto dubbi sulla sua volontà di continuare a indossar la maglia rossonera.

L’annuncio del ritiro dal mercato di Stephan El Shaarawy è quindi arrivato in concomitanza con il ritorno del giocatore dai lidi brasiliani. L’avventura dellaConfederations Cup, impresa di grande rilevanza internazionale, resa non certo agevole anche dalle tensioni diplomatiche che hanno caratterizzato il clima brasiliano di questeultime settimane.

Anche durante l’importante torneo le prestazioni in campo di El Shaarawy non hanno corrisposto molto le aspettative di tifosi e società, rivelandosi in linea con quelle di una Nazionale che ha fatto non poca fatica ad andare avanti. L’intenzione è però quella di scrivere una nuova storia, e di mantenere nella rosa rossonera un giovane che dal giugno 2011, mese in cui ha fatto il suo ingresso nella società del Diavolo, ha raccolto non poche delle aspettative della dirigenza, dello staff tecnico e dei tifosi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©