Sport / Vari

Commenta Stampa

EURO 2008: SVIZZERA, LA MOGLIE DI JAKOB KUHN STA MEGLIO


EURO 2008: SVIZZERA, LA MOGLIE DI JAKOB KUHN STA MEGLIO
13/06/2008, 15:06

A guardarlo in tv, con quell’espressione perennemente depressa e pensierosa, in molti avranno creduto che presagisse l’uscita di una Svizzera troppo poco competitiva dall’Europeo. In pochi, pochissimi, sapevano invece lo strazio che si portava dentro. Jakob Kuhn, tecnico della Svizzera, alla vigilia dell’Europeo era stato travolto da una vera e propria valanga: la moglie colpita da un violento attacco epilettico, versava in gravissime condizioni di salute all’ospedale di Zurigo. Ma Jakob Kuhn doveva stare lì. Seduto sulla panchina elvetica, a dare la carica e le indicazioni giuste alla sua squadra che non è riuscita fino ad ora a raccogliere neanche un punticino: sconfitta dalla Repubblica Ceca (0-1), beffata dalla Turchia (1-2). Oggi che l’avventura della Svizzera agli Europei è già conclusa, Kuhn ha avuto la notizia più bella, quella tanto attesa: la moglie Alice sta migliorando come spiega anche lui con rinnovato ottimismo: “I medici dicono che c'è stato un passo in avanti molto importante - dice – ora ci vorrà molto tempo per il recupero ma siamo fiduciosi”. Domenica prossima la sua Svizzera saluterà definitivamente Euro 2008 contro il Portogallo, ma a guardarlo in tv, stavolta, Jakob Kuhn ci sembrerà meno depresso e pensieroso, lui ha vinto lo stesso.

Commenta Stampa
di Chiara Colimodio
Riproduzione riservata ©