Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Europeo- Imola: Riccardo Russo vince nella 600 Stock


Europeo- Imola: Riccardo Russo vince nella 600 Stock
01/04/2012, 19:04

Il 2012 per Riccardo Russo del Team Italia è iniziato alla grande: vittoria alla prima della Stock 600 del Civ al Mugello, successo alla prima della Stock 600 del Campionato Europeo Velocità ad Imola. Il campano sin dalle prime prove ha segnato tempi irraggiungibili dagli avversari, e la pole strappata il sabato gli ha permesso di partire dalla prima casella in griglia. Dopo il via a nulla sono valsi gli attacchi dello spagnolo Calero Perez alla Yamaha guidata dal rider del Moto Club Piccole Pesti. Russo è stato semplicemente perfetto ed ha conquistato così il primo trionfo continentale: “E’ stata – spiega il casertano - una bellissima gara. Sono partito fortissimo ed ho impresso subito il mio ritmo. Questo mi ha permesso di scappare. Il passo era ottimo. Da metà gara ho iniziato a gestire il vantaggio, ed ho vinto così la mia prima gara europea. Merito dell’affermazione va anche ai ragazzi che mi seguono nel box; sono straordinari e con loro c’è un grande feeling. Non posso che essere soddisfatto e felice del risultato”. Russo rimarrà sul circuito romagnolo, perché il prossimo fine settimana scenderà in pista per difendere il primato in classifica nella categoria Stock 600 del Civ: “Domenica – dice Ricky 84 – sarà di nuovo battaglia. La pista ho avuto modo di conoscerla bene ed è tra le mie preferite. C’è un detto che recita non c’è due senza tre. Bene perché non provare a far continuare la striscia di successi?”. Riccardo Russo, a giudizio di chi vi scrive, rappresenta uno dei talenti tricolori più interessanti. Non nascondo che mi fa enormemente piacere vederlo sul gradino più alto del podio, perché ho avuto modo di conoscerlo quando si cimentava ancora con le minimoto. Già da piccolo aveva la giusta grinta agonistica e lo stile di chi ama vincere le sfide con il cronometro. Un plauso va sia al suo polso sia a chi ha creduto nelle sue potenzialità.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©