Sport / Formula1

Commenta Stampa

Gara sfortunata per la Ferrari

F1 Bahrain: vince Vettel davanti alle due Lotus


Oscar della sfortuna per Alonso
Oscar della sfortuna per Alonso
21/04/2013, 14:03

BAHRAIN - Cavalcata solitaria di Vettel, in Bahrain, che prende la testa al terzo giro e non la molla più fino alla fine. Gara stregata invece per le Ferrari, con Massa che subisce due forature e Alonso che può vantare un record: è il primo pilota a cui si rompe il DRS. Splendida invece la gara di Di Resta, su Force India, e di Raikkonen su Lotus: con una strategia basata su una sosta in meno riescono a conquistare il secondo e il quarto posto. 
Alla partenza Alonso (Ferrari) riesce a superare Vettel (Red Bull), conquistando il secondo posto, mentre è bagarre tra i pilori dietro, con un contatto tra Massa (Ferrari) e Sutil (Force India), che è costretto ad andare ai box. Alla fine del primo giro Rosberg (Mercedes) è ancora in testa, seguito da Vettel, Alonso, Di Resta (Force India), Massa, Webber (Red Bull), Raikkonen (Lotus) e Button (McLaren). Vettel tenta ripetutamente di superare Rosberg, ma il pilota Mercedes tiene duro fin quasi alla fine del terzo giro, prima di arrendersi al tedesco. Alonso deve aspettare il quinto giro per superare Rosberg, che poi viene superato anche da Di Resta. Al settimo giro Alonso entra ai box perchè si è bloccato aperto l'RDS (il sistema che consente di aprire l'ala posteriore in rettilineo per guadagnare velocità) e vengono anche cambiate le gomme, ma in anticipo rispetto alle previsioni. Chiusa l'ala, Alonso riprova ad usarlo ma rimane nuovamente aperto, costringendolo ad entrare di nuovo ai box. Un danno che spinge Alonso nelle ultime posizioni. 
Poi verso il decimo giro cominciano i cambi di gomme, al termine dei quali Vettel e Webber cominciano a fare giri strepitosi, scendendo ripetutamente sotto l'1'40, mentre gli altri sono verso l'1'42. Mentre più indietro Rosberg, Button, Massa, Grosjean e Perez - nelle posizioni tra il sesto e il decimo - danno il via ad una serie di sorpassi e controsorpassi. 
Al 16esimo giro Massa fa un bloccaggio eccessivo in frenata e gli si sgonfia una gomma, costringendolo il giro successivo ad andare ai box. Al 17esimo giro Vergne si ritira, dopo essersi fermato ai box per un problema. 
Al 18esimo giro Vettel guida la gara, seguito da Webber, Rosberg, Button, Grosjean e Perez. Alonso è 12esimo, Massa 15esimo, virtualmente fuori dalla lotta per i primi posti. Al 19esimo giro Rosberg viene superato da Button e Grosjean, senza riuscire ad opporsi. AL 20esimo cominciano i rientri ai box per cambiare le gomme. All'uscita lotta aspra ma coerretta tra Rosberg e Perez, senza che il secondo riesca a superare il primo.
Dopo 26 giri, ci sono Vettel in testa, un sorprendente Di Resta che sorpassa Grosjean e conquista il secondo posto (entrambi questi piloti con una sosta in meno ai box), poi Raikkonen (anche lui con una sola sosta, fino a questo punto), Webber, Perez, Button, Rosberg e Massa. Alonso è 13esimo. Tra le lotte, colpisce quella tra Button e Perez, compagni di squadra nella McLaren. Con Grosjean dietro di loro che cerca di approfittarne. Al 33esimo giro Raikkonen si riprende la seconda posizione su Di Resta, mentre Grosjean riesce a superare prima Perez e poi Button. AL 36esimo giro Vettel è in testa, seguito da Webber, Grosjean, Hamilton, Perez, Raikkonen (che fa il suo giro veloce), Alonso, Di Resta e Massa, che è costretto a rientrare per uin'altra foratura. Al giro successivo è Webber ad andare ai box ed esce all'ottavo posto, al 38esimo tocca ad Hamilton, e al 39esimo ad Alonso e a Perez. 
Ma le sorprese non sono finite: al 45esimo giro Perez supera Button (che poi è costretto a fermarsi per le gomme esauste) seubito seguito da ALonso. Il quale, al 46esimo giro, nonostante sia ancora privo di RDS, riesce a superare Perez in rettilineo. Una gara con una macchina nmenomata, quella dello spagnolo, ma che l'ha portato a questo punto al settimo posto in classifica.
Al 52esimo giro serie di sorpassi e controsorpassi tra Hamilton e Webber per la sesta posizione, con Alonso e Perez che seguono. E al 53esimo giro la McLaren supera la Ferrari, con l'ennesimo sorpasso molto duro (ALonso vioene in pratica mandato quasi completamente fuori pista). Alla fine Vettel termina la gara in testa, seguito dalle due Lotus di Raikkonen e Grosjean e dalla Force India di Di Resta, che ha fatto una magnifica gara. AL quinto posto Hamiltone, seguito da Perez, Webber (che ha perso due posizioni nell'ultimo giro) e ALonso. Poi Rosberg, Button, Maldonado, Hulkenberg, Sutil, Bottas, Massa, Ricciardo, Pic, GutierrezBianchi, Chilton e Van der Garde. 
La classifica piloti vede in testa Vettel con 77 punti davanti a Raikkonen 67, Hamilton 50, Alonso 47, Webber 34, Massa 30. La classifica costruttori è guidata dalla Red Bull con 111 punti, seguita dalla Lotus con 93, dalla Ferrari con 77 e la Mercedes con 64.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©