Sport / Formula1

Commenta Stampa

Ottime prestazioni anche di Massa, Vergne e Di Resta

F1 Canada: cavalcata solitaria di Vettel, grande gara di Alonso


F1 Canada: cavalcata solitaria di Vettel, grande gara di Alonso
09/06/2013, 20:08

MONTREAL (CANADA) - Grande gara nel Gran Premio di Canada di Formula 1 per Vettel, partito in pole position e restato in testa per tutta la gara fino al traguardo, con un giro veloce dietro l'altro. Ma buona la gara anche delle Ferrari, con Alonso che dalla sesta posizione di partenza arriva al secondo posto e Massa che dalla 16esima posizione di partenza finisce ottavo. Sorprendenti Paul Di Resta sulla Sahara Force India, finito settimo; ma anche Jean Eric Vergne, su Toro Rosso, finito sesto. 
Alla partenza tra i primi tutti mantengono le loro posizione, mentre dietro Massa  sedicesimo - supera due vetture e Grosjean - ultimo - ne supera quattro. Ma è subito battaglia e già nel primo giro Alonso supera Bottas, mettendo si dietro Webber, mentre Vettel prende il largo con una serie di giri veloci. Al secondo giro Massa supera Maldonado, mentre Vergne supera Bottas. AL quarto giro si rischia l'incidente: Bottas cerca di riguadagnare la posizione, ma fallisce nell'intento; ma non può rientrare nella traiettoria ideale perchè Sutil cerca di sorpassarlo. Bottas resiste e Sutil, nel tentativo di staccare vicino, tocca Bottas e va in testacoda. Arrivano Ricciardo, Raikkonen ed altre auto, ma tutti lo superano enza toccarlo. 
All'ottavo giro la situazione vede Vettel che guida la gara su Hamilton, Rosberg, Webber, Alonso, Vergne, Bottas, Ricciardo, Raikkonen, Hulkenberg (che nell'ottavo giro viene superato da Massa), Massa, Perez, Button, Maldonado, Di Resta, Gutierrez, Grosjean, Bianchi, Pic, Suttil, CHilton e Vam der Garde. Al decimo giro Vettel, in uscita dalla curva 4, tocca il muro di cemento con la ruota posteriore, ma prosegue normalmente. All'undicesimo Massa cerca di superare Raikkonen, il quale, a sua volta, supera Ricciardo, per evitare di essere superato. Al 13esimo giro Ricciardo, Hulkenberg e Maldonado sono i primi che vanno ai box per il primo cambio gomme. Al giro successivo vanno ai box anche Webber, Vergne e Perez. Poi pian paino anche gli altri: Vettel al 15esimo giro, Alonso al 17esimo, Hamilton al 18esimo. 
AL termine dei cambi di gomme, Vettel è ancora in testa, seguito  da Hamilton, Rosberg, Webber, Alonso. Raikkonen aspetta tre giri in più, tentando una strategia sulla sosta singola (mentre le altre auto vanno sulle due soste). SI creano due gruppi interessanti da seguire: Rosberg, Webber e Alondo in battaglia per la terza posizione e Massa e Sutil per la decima. Dopo numerosi tentativi andati a vuoto, al trentesimo giro Rosberg - che monta gomme supersoft, mentre gli altri montano le medie - non ce la fapiù e viene superato sia da Webber che da Alonso. AL giro successivo Rosberg va ai box a cambiare le gomme. Webber a quel punto comincia ad inanellare una serie di giri veloci per cercare di raggiungere Hamilton, lontano 10 secondi, mentre Alonso cerca di tenergli dietro. AL 37esimo giro Webber perde una bandella laterale dell'ala anteriore, dopo un urto fortuito col doppiato Van der Garde, mentre Alonso comincia a spingere sull'acceleratore e si fa sotto a Webber, migliorando tre volte consecutive il record del giro più veloce. Al 41esimo giro il sorpasso: Alonso sfrutta la maggiore velocità della Ferrari in rettilineo e il DRS (la possibilità di aprire l'ala posteriore per far passare più aria e offrire meno resistenza) e supera Webber, salendo al terzo posto. Al 42esimo giro Massa entra ai box, per montare le gomme medie. Al 45esimo giro, Webber va ai box per il secondo e ultimo cambio gomme, al 46esimo tocca ad ALonso, al 47esimo ad Hamilton e al 48esimo Vettel. AL termine è il tedesco a guidare la corsa con una ventina di secondi su Hamilton, che precede Alonso di poco più di 5 secondi, con Webber che segue a 3 secondi. AL 59esimo giro Alonso riesce a raggiungere Hamilton, dopo una serie di giri veloci, alternati a quelli di Vettel che mantiene una quindicina di secondi di vantaggio su Hamilton. Al 62esimo giro il sorpasso è fatto: Alonso prova prima alla curva 13, ma la curva a gomito impedisce di fare una staccata; poi prova in staccata alla 14, ma lo spazio è poco; e alla fine sul rettilineo finale riesce a superarlo, anche se Hamilton quasi tocca con l'anteriore la gomma posteriore di ALonso. Ma l'inglese non si dà per vinto e prova a riprendersi la posizione, ma il controsorpasso fallisce. 
E così proseguono fino alla fine. La gara finisce con la vittoria di Vettel, seguito da Alonso, Hamilton, Webber, Rosberg, i sorprendenti Vergne e Di Resta (che ha cambiato gomme per la prima volta solo al 54esimo giro, quando molti altri avevano fatto già due cambi gomme), Massa, Hamiltom e Sutil. Poi Perez, Button, Grosjean, Bottas, Ricciardo, Maldonado, Bianchi, Pic, Chilton. 
Con questa gara, Vettel rafforza la sua posizione di leader della classifica piloti con 132 punti, seguito da Alonso con 96 punti, Raikkonen con 90, Hamilton 77, Webber 69, Rosberg 57 e Massa 47. La classifica costruttori vede la Red Bull con 201 punti, la Ferrari con 143, Mercedes con 134, Lotus 116 e sorprende la Sahara Force India con 51 punti e la McLaren con 37.
L'appuntamento ora è con i Gran Premi europei, a cominciare il 30 giugno da Silverstone, in Inghilterra.   

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©