Sport / Formula1

Commenta Stampa

Ma domani la tattica potrebbe essere decisiva

F1 India: Vettel in pole, discrete le Ferrari, disastro Lotus


F1 India: Vettel in pole, discrete le Ferrari, disastro Lotus
26/10/2013, 10:39

INDIA - Ancora una volta Vettel è primo, nelle qualifiche del Gran Premio di india. Male la Lotus, con Grosjean 17esimo e Raikkonen decimo; discrete le Ferrari, con Massa quinto ed ALonso ottavo. Ma nella gara, potrebbe essere decisiva la diversa tattica delle varie autovetture.
La prima sessione di prove si conclude con l'eliminazione di Chilton, Pic, Van der Garde, Bianchi, Maldonado e, molto a sorpresa, Grosjean. Il quale ha pagato carissimo la scelta di usare solo gomme intermedie e non le gomme soft, come invece hanno fatto tutti gli altri. Il più veloce è stato Button, seguito da Webber, Ricciardo, Massa, Hamilton e Raikkonen. 
Nella seconda sessione, tutti spingono al massimo, usando le gomme soft. Vengono eliminati Gutierrez, Bottas, Vergne, Sutil, Di Resta e Ricciardo. La sessione è vinta da Vettel, seguito da Alonso, Webber e Raikkonen. Massa si qualifica di misura con il nono tempo.
Alla fine la pole position viene conquistata per la terza gara consecutiva da Vettel, seguito da Rosberg, Hamilton, Webber, Massa, Raikkonen, Hulkenbreg, Alonso, Perez e Button. Da notare che Webber ed Alonso hanno preferito fare l'ultima sessione con le gomme a mescola media (mentre tutti gli altri erano con mescola morbida). Dato che i primi 10 non possono cambiare le gomme usate nell'ultima sessione, sarà interessante vedere se questa diversa scelta delle gomme sarà premiante. Lo scopo è semplice: su questa pista le gomme degradano molto velocemente. QUindi, partire con le gomme soft significa andare ai box per cambiarle dopo pochi giri. Il rischio è che poi si esce in mezzo al traffico, rischiando di dover correre in mezzo alle macchine di centro classifica e con lo stesso tipo di gomme, su una pista che permette sì i sorpassi, ma non crea tali dislivelli da renderli facili. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©