Sport / Formula1

Commenta Stampa

Il 7 volte campione del mondo farà coppia con Rosberg

F1, la Mercedes presenta Michael Schumacher


F1, la Mercedes presenta Michael Schumacher
25/01/2010, 20:01

STOCCARDA - Su il sipario sulle Frecce d’argento Mercedes. Il giorno tanto atteso in formula uno è finalmente arrivato. Michael Schumacher rientra nel gran circo delle auto da corsa, e con la classe che lo contraddistingue, lo fa dalla porta principale. Al museo della Mercedes di Stoccarda, davanti a un folto pubblico, è stata presentata la nuova monoposto targata Mercedes GP. La nuova vettura si chiamerà MGP W01. Un battesimo in gran stile quello per il nuovo team, nato sull’ossatura della Brawn GP. Lo scheletro della compagnia di Ross Brawn, che nella scorsa stagione ha vinto il campionato del mondo costruttori e piloti con Button, sarà la colonna vertebrale anche della nuova scuderia tedesca. Responsabili, lo stesso Brawn ed il suo fido Nick Fry; piloti, Nico Rosberg e, appunto, il quarantunenne e sette volte campione del mondo Michael Schumacher, su cui logicamente erano puntati tutti i riflettori della presentazione. "Provo una grande emozione e una grande sensazione: è bello aver fatto ritorno e far parte di questa squadra", ha dichiarato Schumacher che, appena quattro mesi fa, a distanza di due anni dal suo addio, aveva provato a tornare in pista con la Ferrari, sostituendo Felipe Massa. Il sogno di tutti gli amanti della Formula uno, nonché dello stesso pilota tedesco, sfumò in quell’occasione. Ma quello tra Schumacher ed il campionato del mondo era un appuntamento solo rimandato. Quest’oggi la presentazione a Stoccarda, il 1° febbraio i primi test a Valencia. E poi via, in un continuo di giri di pista, con un nuovo amico-rivale come Nico Rosberg al fianco. Il suo connazionale, più volte paragonato al padre Keke, e che ha fatto bene con la monoposto Williams lo scorso anno. Una squadra stellare, non c’è che dire, e che già fa sfregare le mani a Ross Brawn, pronto a fare doppietta per il secondo anno consecutivo. Ferrari permettendo…

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©