Sport / Kart

Commenta Stampa

Fabian Federen stravince sul circuito Internazionale di Viterbo


Fabian Federen stravince sul circuito Internazionale di Viterbo
05/07/2011, 13:07

Viterbo, 3 luglio 2011 – Un grande spettacolo agonistico in pista ha contribuito a elevare ancora di più lo spessore del Campionato Italiano CSAI Karting in occasione della terza prova della stagione disputata sul Circuito Internazionale di Viterbo. Dopo la pioggia di sabato, il sole è tornato a splendere sui 1.300 metri della pista laziale dando a tutti i 157 piloti presenti la possibilità di giocarsi la vittoria nelle rispettive categorie senza l’imprevedibilità dell’asfalto bagnato.

Alla fine, dopo le quattro finali del mattino e le finali-2 del pomeriggio tutte trasmesse in diretta TV su Nuvolari, ad avvantaggiarsi in classifica in questo terzo appuntamento del campionato che ha segnato il giro di boa della stagione, sono stati l’altoatesino Fabian Federer (vincitore di gara-2 dopo il quarto posto in gara-1) in KZ2, il pescarese Alessio Santilli (vincitore di gara-2 e secondo in gara-1) in KF2, il pugliese Federico Pezzolla (vincitore di gara-2 e terzo in gara-1) in KF3.

Nella 60 Mini è stato ancora il romeno Marcu Dionisios a mettersi in evidenza con una doppia vittoria, ma a condurre in classifica è ancora il campano Remigio Garofano dopo il settimo posto in gara-1 e il quarto in gara-2.



Nella classe maggiore, la KZ2, in gara-1 il successo è andato Marco Zanchetta (Ckr-Tm), con un ottimo Yannick De Brabander (Parolin-Tm) al secondo posto seguito dal compagno di squadra Antonio Piccioni, mentre Federer si è dovuto accontentare della quarta piazza. In gara-2 Federer è riuscito invece a prendere ben presto la testa della gara, ma negli ultimi giri ha dovuto faticare per tenere dietro un De Brabander in gran forma. Con questa vittoria, il neo campione europeo della KZ2 ha potuto quindi allungare in campionato (152 punti) con un bel vantaggio su Bressan (118), Piccioni (98) e quindi De Brabander (93).



Nella KF2 Gianni Vigorito (Birel-Bmb) è riuscito a imporsi in gara-1, davanti al campione italiano in carica Alessio Santilli (Intrepid-Tm) e al romano Alberto Di Folco (Tony Kart-Vortex). In questa prima gara è accaduto un incidente in partenza con un doppio capottamento di Matteo Gasparrini e Nicola Marcon, ambedue su Tony Kart-Vortex. Gasparrini ha riportato la frattura della clavicola destra, Marcon un leggero trauma cranico.

La dinamica dell’incidente ha visto il contatto fra i due in pieno rettilineo, con il kart di Gasparrini che stretto da Marcon a sinistra e da Cinti a destra, è volato sopra lo stesso Marcon, causando incolpevolmente per ambedue un rovinoso capottamento.

In gara-2 è stato Santilli a vincere con pieno merito davanti a Vigorito che era rimasto leggermente attardato nella prima parte di gara. Al terzo posto ha concluso Roberto Manduchi (Parolin-Tm). In campionato allunga Vigorito con 34 punti di vantaggio su Santilli che è così risalito al secondo posto.



In KF3 in gara-1 la vittoria è andata ad un combattivo Mattia Vita (DR-Parilla), davanti a Nicolò Balsamo (Birel-Bmb) e Federico Pezzolla (Intrepid-Tm). Quest’ultimo si è poi rifatto in finale-2 vincendo bene nonostante il recupero di Mattia che ha tagliato il traguardo con un distacco di appena 3 decimi. Il terzo posto lo ha conquistato il romano Lorenzo Paggi (Tony Kart-Tm). Da segnalare l’ottimo debutto del giapponese della CRG ufficiale Jinya Yamakawa che ha colto l’ottavo posto finale usufruendo dell’apporto di un “assistente di lusso” come il 5 volte campione del mondo Davide Forè.

In questa occasione è mancato l’inserimento di Luca Corberi (Tony Kart-Vortex) fra i protagonisti della categoria, tanto che il pilota bresciano (ancora secondo in classifica) si è piazzato solamente 16.mo in gara-1 e 13.mo in gara-2. In campionato Pezzolla ora ha allungato con 61 punti di vantaggio su Pezzolla.



Nella 60 Mini ha prevalso in ambedue le finali il romeno Marcu Dionisios. In gara-1 il forte pilota romeno ha concluso davanti al turco Besler Berkay e allo svedese Otto Tjader (tutti e tre su Top Kart-Lke). In gara-2 alle spalle di Dionisios è riuscito a piazzarsi il barese Luigi Angelillo (Top Kart-Parilla) davanti allo svizzero Gjergj Haxhiu (Hero-Lke). In campionato continua a condurre Garofano, ora con 52 punti di vantaggio su Lorenzo Travisanutto (Tony Kart-Lke) che nel tentativo di sorpassare Hugo Hakkinen (Crg-Lke) si è agganciato con il pilota finlandese terminando nelle retrovie, così come lo stesso Hakkinen.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©