Sport / Motorsport

Commenta Stampa

‘Factory to Forecourt’: un’ Auris Hybrid realizzata su Twitter


‘Factory to Forecourt’: un’ Auris Hybrid realizzata su Twitter
14/06/2013, 15:23

Toyota si affida a Twitter per svelare i principi e i processi utilizzati dal suo impianto britannico, all’interno di un innovativo progetto mondiale che gli utenti potranno seguire in rete. Mercoledì 19 giugno Toyota trasmetterà centinaia di ‘tweet’ che seguiranno passo dopo passo il processo produttivo della nuova Auris Hybrid, dall’acciaio grezzo fino al veicolo pronto per la consegna.Il progetto ‘Factory to Forecourt’ seguirà minuto per minuto, per 14 ore a partire dalle sei del mattino, le fasi di stampaggio, saldatura, verniciatura, assemblaggio e controllo della qualità. Oltre alla spiegazione delle diverse attività (sono 325 i processi eseguiti in linea di assemblaggio), il progetto dimostrerà l’importanza dei principi alla base del Toyota Production System per l’efficienza della forza lavoro e per garantire la massima qualità al prodotto finale.Per l’intera giornata, i followers potranno interagire con il team Toyota, inserendo i propri commenti e domande.Il Toyota Production System è un famoso metodo di organizzazione della produzione adottato da migliaia di aziende in tutto il mondo, anche al di fuori del settore automobilistico. Per fare l’esempio del Regno Unito, il ‘National Health Service’ ha utilizzato il sistema per migliorare il controllo della qualità dei servizi. Il progetto ‘Factory to Forecourt’ è stato ideato per diventare una risorsa educativa, da utilizzare nelle scuole coprendo un’ampia varietà di discipline.I feed provenienti da @ToyotaFactory includeranno i link per le immagini e diverse risorse online, tra cui le riprese provenienti dall’impianto di Burnaston. Tra i filmati ci saranno anche i contributi dei dipendenti Toyota, che illustreranno personalmente la struttura del Toyota Production System e il modo in cui esso aiuti lo staff a ottenere i migliori livelli di qualità e responsabilità sul lavoro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©