Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Ferlaino:Smisi di fare l'amore pensando al Napoli


Ferlaino:Smisi di fare l'amore pensando al Napoli
05/05/2011, 22:05

Corrado Ferlaino come nessuno l’ha mai visto. L’ex presidente del Napoli si racconta ai microfoni di Metropolis Tv, svelando anche retroscena privati della sua vita: "Stavo facendo l’amore con una signora e pensai all’arbitro della partita del Napoli, in quel momento mi fermai, dissi basta: o non vado con le donne o non faccio calcio". E’ stato quello uno dei motivi che l’ha portato ad abbandonare il mondo del Pallone. "Troppo stress", rivela il patron degli scudetti azzurri e della coppa Uefa, che resta il presidente che ha più vinto nella storia del Napoli calcio. Quella relativa alle conseguenze nella vita privata è solo una delle rivelazioni che l’ingegnere ha fatto nell’intervista rilasciata a Luigi Capasso, nella trasmissione “Napoli Time”, che andrà in onda stasera alle 21,10.

Parla di tutto Ferlaino, raccontando episodi inediti della sua presidenza, come quando ammette di aver chiamato anche lui i designatori arbitrali nei 33 anni in cui è stato alla guida del Napoli. "Lo facevo prima e dopo le partite, come facevano tutti. Era un fatto di routine. Calciopoli - spiega - è stato comunque il momento più basso del calcio italiano". A due settimane dai suoi 80 anni, Ferlaino ha deciso di raccontarsi attraverso la sua voglia di fare ancora qualcosa per la città di Napoli, che lui definisce "un malato terminale, piena di monnezza", impegnandosi nel campo dell’edilizia privata e in quello alberghiero. Inevitabili i racconti dell’ex presidente sul suo rapporto con Allodi, Moggi e Marino, gli uomini mercato che hanno reso grande il suo Napoli e quelli sulla gestione di Maradona, che lo porta ad ammettere: "Lo imprigionai". La sua passione per il Napoli non è finita: "Mi emoziono allo stesso modo di quando ero il presidente - dice Ferlaino -. Ancora oggi guardo solo i primi tempi delle partite".

Fonte: Resport.it

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©