Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Festa Champions: nuovo tatoo per Cannavaro?


Festa Champions: nuovo tatoo per Cannavaro?
18/05/2011, 09:05

Domenica sera, al fischio finale di De Marco, Paolo Cannavaro si è steso sul prato del San Paolo ed ha iniziato a piangere, proprio come fece suo fratello Fabio a Berlino nel 2006. Del resto, sarà pur vero che il più grande dei Cannavaro ha vinto il Pallone d’Oro, ma con il Napoli è certamente Paolo quello che si è tolto maggiori soddisfazioni.Nell’estate del Mondiale in Germania, lui scelse di lasciare Parma e tornare a casa, nonostante gli azzurri fossero in B. Un’intuizione vincente.

Da allora è stato un crescendo, per Cannavaro e per il Napoli. Paolo si è addirittura tatuato sulla pelle la data della promozione in A ed ora sta pensando di fare qualcosa di simile anche per celebrare il ritorno degli azzurri nell’elite del calcio europeo. «Sono prima tifoso e poi capitano di questa squadra - ha detto Cannavaro -, per cui soffro due volte quando le cose vanno male, ma gioisco il doppio in momenti come questi». In effetti, per lui non sono sempre state rose e fiori.Durissima la contestazione che ha dovuto subire alla fine della stagione 2008-09, quando scrisse addirittura una lettera aperta ai sostenitori azzurri per scusarsi di alcune prestazioni sfortunate durante la gestione Donadoni e ribadire il suo massimo impegno per i colori che da sempre porta nel cuore. Fonte: Gazzetta dello Sport.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©