Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LE SCELTE

Finale Coppa Italia, Cannavaro ci sarà


Finale Coppa Italia, Cannavaro ci sarà
17/05/2012, 10:05

CASTELVOLTURNO - Il gioco delle coppie è ormai (quasi) risolto e lo spettacolo del prossimo week-end s'annuncia pirotecnico e sorprendente: Juventus-Napoli è (per sempre) la madre di tutte le partite e stavolta, con una coppa Italia in più ad ingrossarne il contenuto ed il valore, la strategia dell'attenzione garantisce un pizzico di pepe sin dalla vigilia «prolungata», anestetizzata sul ballottaggio principe Lavezzi o Pandev, il valzer delle punte che va avanti da un mesee passa e che condurrà all'Olimpico.


BUNKER - Castelvolturno è un bunker e le casacchine, stavolta, restano negli stanzini, lontano dagli sguardi e persino dalle interpretazioni: ma gli allenamenti hanno pur valore e nelle pieghe d'una partitina (apparentemente) di routine si riesce a scorgere il percorso-guida per tentar di sedurre e stordire Madame attraverso la verve e l'istinto risorto di Goran Pandev, la sua ostinazione e la sua brillantezza fisica, la sua attuale ferocia agonistica e quel desiderio di dare un senso alla propria stagione vissuta all'ombra dei tre tenori. La formazione è un ritornello mandato a memoria, con quale pausa di riflessione che ormai resiste solo a sinistra, nell'eterno dualismo tra Zuniga e Dossena: vince il colombiano, per un'incollatura, grazie soprattutto al suo sprint utile sia per coprire che per ripartire, una elasticità che ha «azzerato» la rimonta del fluidificante-bomber.

LE SCELTE - De Sanctis in porta, ovviamente; in difesa: Campagnaro, Cannavaro che s'è messo a ridimensionare la botta al costato con terapie e sedute personalizzate e Aronica, il guardiano del centro sinistra divenuto insostituibile negli anni; a destra, sulla metà campo, tocca a Maggio; in mezzo, la diga è tutta svizzera ed è quindi sull'asse Inler-Dzemaili; e il mancino diviene Zuniga. Il rientro del matador - 32 reti stagionali, una in meno del suo primato personale dell'anno scorso - occupa la zona centrale dell'attacco e l'insostituibile Hamsik se ne starà tra le linee, magari abbassandosi su Pirlo, chissà, e lasciando a Pandev il compito di starsene più vicino a Cavani. Il quale, attraverso il quotidiano uruguaiano Nuevo Tiempo, ha lanciato un messaggio al Napoli: « Voglio andare alle Olimpiadi. Se non mi danno il permesso, prima viaggio in Italia, pianto un casino e poi riparto ». Solo una battuta scherzosa?

FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©