Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Fiorentina, Mutu e Frey sul mercato


Fiorentina, Mutu e Frey sul mercato
27/04/2011, 15:04

Non è ancora tempo di saldi, ma da queste parti è già possibile trovare un paio di occasioni low-cost. La premessa è sempre quella: in estate, a Firenze, arriverà la Rivoluzione e la squadra dell’anno prossimo sarà parecchio diversa da quella attuale. La strategia si spiega con la voglia di rinnovare e di portar dentro giocatori con stimoli nuovi. I prossimi acquisti saranno finanziati da qualche cessione eccellente, ma c’è anche un mercato parallelo: i campioni possono partire a zero euro, il guadagno ci sarebbe comunque. La contraddizione è solo apparente, basta spiegare quello che c’è dietro per capire il senso  della questione. Il primo caso riguarda Mutu: rischia di essere di troppo, considerato che in quel ruolo è prossimo il ritorno di Jovetic (oggi pomeriggio la visita in Germania da cui dovrebbe arrivare il definitivo via libera al rientro in squadra). C’è anche dell’altro: a gennaio la società gli ha concesso l’ultima chance, lui (finora) ha ripagato con tante promesse e pochi gol (quattro). Ha un altro anno di contratto, e l’idea di restare non gli dispiace (i tifosi lo adorano). Ma se si sentisse indesiderato dal club potrebbe mettersi in moto in cerca di soluzioni alternative: pare che all’estero qualcuno si sia fatto avanti, ma non con decisione. Stia però attento a non uscire dalla comunità europea: in Arabia può trovare club interessati, ma qui va aperto un capitolo a parte. Su Adrian pesa ancora la storia dei 17 milioni di euro pretesi dal Chelsea: ora è tutto in sospeso ed è difficile che in futuro, dall’Inghilterra, parta la richiesta di sospensione del giocatore perché inadempiente. Mutu farebbe immediato ricorso al suo diritto al lavoro, previsto dalla corte europea dei diritti umani. Chiaro che uscendo dall’Europa quest’ultimo sostegno potrebbe venire a mancare.
 L’altro caso è quello di Sebastian Frey, anche se la sua è una storia diversa: se finora il portiere non è stato protagonista è soltanto per il k.o. al legamento del ginocchio destro, infortunio che lo ha tenuto fuori uso per sei mesi. Da un paio di settimane, però, va in panchina, e solo quando sarà al top tornerà titolare. Nel frattempo la Fiorentina ha scoperto Boruc e acquistato Neto, su cui punta forte per il futuro. Dunque, se il francese trovasse corteggiatori in giro il club viola non si metterebbe nel mezzo, anzi: per favorire la trattativa potrebbe regalare il cartellino al giocatore, in modo che chi è interessato possa farsi carico solo del suo (pesante) ingaggio.
Lo stesso discorso vale per Adrian Mutu. Lo stipendio alto dei due è il punto intorno a cui ruota tutta la questione: è il motivo per cui la Fiorentina penserebbe di tagliarli ed è l’ostacolo principale per attrarre altri club. Per trovare una soluzione i loro "entourage" sono già al lavoro: serviranno tanta pazienza e nervi molto "saldi".

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©