Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ex Maggio sigla la vittoria. 6 punti per Mazzarri

Fiorentina-Napoli 0-1, svolta storica


Fiorentina-Napoli 0-1, svolta storica
25/10/2009, 16:10

FIRENZE - E’ un Napoli completamente nuovo quello visto oggi all’Artemio Franchi. Dopo un anno arriva la vittoria in trasferta e la mette a segno l’ex Maggio.
Con un modulo diverso e tanta grinta, gli azzurri scrivono una pagina storica nel loro cammino in trasferta.
I campani lottano, ci provano e mostrano anche un buon gioco, anche se sprecano troppe occasioni. Basta pensare al rigore fallito da Quagliarella, anche se è Frey a chiudere la porta all’azzurro.
Mazzarri lascia ancora una volta Cigarini in panchina, al suo posto scelto Pazienza che ripaga la fiducia del tecnico e offre un’ottima prestazione.
Rispetto al Napoli visto lontano dal San Paolo fino ad ora è tutta un’altra storia.
Nel primo tempo gli azzurri vanno vicini al vantaggio, ma Lavezzi spreca un’azione d’oro e lascia a Frey la gioia di aver salvato il risultato.
I campani, però, possono replicare su un fuorigioco fischiato ad inizio partita quando c’era solo un uomo dinanzi la porta e lo 0-1 era ad un passo.
Per il resto il pari nei primi 45’ è giusto: il Napoli va più vicino al goal, ma i viola offrono bel gioco e buona manovra.
I padroni di casa impostano e gli azzurri provano a ribattere in contropiede.
Nel secondo tempo partono meglio i viola che vanno vicinissimi al vantaggio dopo pochi minuti, ma prima De Sanctis, poi Hamsik salvano il risultato.
Le brutte notizie, però, arrivano al 20’ del secondo tempo quando Morganti espelle Mazzarri che protesta per una spinta di Vargas su Maggio. Potrebbe saltare Napoli-Milan.
Il Napoli spinge, ma il primo calcio d’angolo arriva quasi al 30’ della seconda frazione di gioco.
Arriva la svolta storica: la rete della vittoria al 41’ con Maggio che si fa trovare pronto sul cross del neo-entrato Denis. Gli azzurri ritrovano, così, la vittoria in trasferta che mancava da quel fatidico 26 ottobre all’Olimpico contro la Lazio.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©