Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Parecchi episodi da analizzare

Fiorentina-Napoli: la moviola


Fiorentina-Napoli: la moviola
31/10/2013, 08:55

Il trentasettenne Calvarese, arbitro giovane, stabilmente in A solo dal 2012, si trova a dirigere una partita molto difficile dalla quale, purtroppo, non esce indenne. Tanti gli errori, alcuni eclatanti altri decisamente meno, ma pur sempre esistenti.
Nel primo tempo il rigore su Savic sembra generoso: la spinta di Fernandez c'è ma non sembra essere così evidente; in virtù, però, del principio del metro di giudizio uguale, a quel punto, sempre nel primo tempo, va fischiato un rigore molto simile (spinta su Mertens) agli azzurri; come dire, o entrambi o nessuno.
Nell'arco della partita la gestione dei gialli non è stata impeccabile da parte del fischietto di Teramo: per i falli a centrocampo sono stati puniti maggiormente i giocatori azzurri.
Giusta l'espulsione di Maggio che si fa ammonire per proteste sul rigore assegnato alla Fiorentina e poi entra male ed ingenuamente su Matos, secondo giallo ineccepibile.
Arriviamo poi all'episodio più contestato: siamo nei minuti di recupero e Cuadrado (già ammonito per una goffa quanto inutile simulazione) entra in area e va giù: per l'arbitro è simulazione, secondo giallo ed espulsione, ma i replay mostrano come il tocco di Inler sulla gamba del colombiano ci sia eccome. 

Commenta Stampa
di Elisa Manacorda
Riproduzione riservata ©