Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA MAZZARRI

"Flessione. No a turnover, forse cambi tattici"


'Flessione. No a turnover, forse cambi tattici'
09/03/2010, 15:03

dalla nostra inviata a Castelvolturno, Francesca Fortunato

Giornata di conferenza stampa in casa Napoli, dopo la seconda
sconfitta dell'era Mazzarri il tecnico si accomoda in sala stampa
dinanzi ai giornalisti pronto a rispondere ai quesiti e a provare a
capire cosa stia accadendo agli azzurri.

Non parliamo di crisi, ma di flessione. Quali sono i motivi? "Il
termine flessione mi sembra più corretto. In realtà un periodo del
genere era prevedibile. Quando si parlava di obiettivi  ho
sempre detto che se un tecnico arriva in corsa vuol dire che qualche
problema  c'era da risolvere. Elogio la prova della squadra che
ha fatto più del dovuto e proprio quando ci si abitua bene e poi le
cose non vanno si nota di più".
È un Mazzarri meno sorridente, ma ugualmente pronto a spiegare le sue
scelte quello che si presenza dinanzi ai microfoni, ci tiene a
sottolineare come la squadra sia tranquilla e quanto lui ci tenga in
primis alle prestazioni.
" Io analizzo le prestazioni e lo spirito - ha evidenziato - e questo
c'è sempre stato anche a Bologna".

La squadra è un pò stanca, si può ipotizzare alla vigilia di un clico
terribile un turnover?:" Turnover È una parola che solitamente si usa
quando una squadra gioca le coppe. Questa settimana li ho tutti a
disposizione e valuterò. Ci può essere qualche cambio per una
questione tattica ma non lo so ora".

C'è ancora il problema del gol, mancano le reti degli attaccanti: "A
me interessa che il Napoli faccia un gol più degli altri non mi
importa chi segna".

Come si supera questo momento?: "Per assurdo può essere che al di la
della forma entriamo in campo sottovalutando gli avversari. Forse ci
sentiamo una grande e facciamo meno attenzione ai particolari. Da un
punto di vista del gioco abbiamo fatto bene, forse abbiamo perso quel
pizzico di paura dell'avversario".

L'argomento del giorno è Quagliarella-Lavezzi, due giocatori che si
cercano ma se analizziamo il numero di assist e gol tra loro è nullo:
" Io dico che a volte si cercano troppo e così diventa negativo"

Alla luce di quanto dichiarato martedì scorso e delle scelte poi
effettuate per la sfida col Bolona c'è chi ha letto un pò di
contraddizione: " io avevo detto che proprio contro il Bologna non
potevo fare nuovo ragionamenti perché mi mancavano i nazionali"
Intoccabili? "Il valore dei giocatori lo conosco io. Per recuperare
Lavezzi lo devo far giocare. I ragionamenti sono tanti. Sono
valutazioni che non si possono spiegare, devo fare tanti ragionamenti"


Quando si parla di meno cattiveria per affrontare gli avversari come
si guarisce?: " Entramdo nella testa dei giocatori come feci al mio
arrivo. Oggi ne parlerò"

C'è stata una flessione da parte dei giocatori che hanno tirato di
più la carretta: "Quello che ha giocato 90' con la nazionale è Maggio
e per me stava bene. esistono anche gli avversari. Modesto è stato
messo a uomo su Maggio. Lo reputo un titolare, è di grande
affidabilità".

Il calendario paradossalmente può aiutare per le motivazioni: " Se
questo fosse il nostro momento peggiore sarei contento, non c'è stato
un tonfo. Il calendario da un punto di vista di motivazioni si, ma di
fronte ci saranno valori eccezionali".

Il discorso fatto per Lavezzi non può valere anche per Dossena?: "E'
una fase delicata questa per le scelte, perché Dossena non giocava da
molto una partita intera. Dobbiamo far passare rapidamente il momento"

Ora arriva la Fiorentina quelche dubbio in difesa perché mancherà
Cannavaro, torna Grava?: "Per Grava aspetto notizie dal dottore".
 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©