Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Fontana:"Pastore-Cavani, che duello"


Fontana:'Pastore-Cavani, che duello'
05/12/2010, 13:12

Alberto Fontana, ex portiere di Napoli e Palermo, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di “Amore… Azzurro”, programma sportivo in onda ogni mercoledì e sabato su Radio Amore. Ecco alcuni passaggi dell’intervista:

“Perché si punta sui portieri stranieri? La scuola italiana per tanti anni è stata la migliore. Poi, qualcosa è cambiato. Molte grandi squadre in Italia oggi hanno dei portieri stranieri. Forse, la nostra scuola per qualche anno è rimasta un po’ indietro restando ancorata alla tradizione, mentre il calcio cambiava. Ora le cose stanno cambiando, perché abbiamo dei giovani portieri che credo siano dei ragazzi di grande prospettiva.

 Napoli-Palermo? Sarà una bella partita, perché le due squadre tenteranno di vincere. Entrambe le formazioni sono a ridosso delle grandi. Oltretutto, sia Napoli che Palermo, hanno grandi individualità. Non dimentichiamo poi che ci sarà il pubblico delle grandi occasioni. Mi aspetto una gran bella partita, priva di tatticismi.

Lo sciopero? Mi auguro che venga trovata una soluzione. Mi rendo conto che la gente dall’esterno, può non capire certi meccanismi. Personalmente, sono stato messo fuori rosa all’età di quarantuno anni, solo perché avevo un collega più giovane che soffriva la mia presenza. E’ vero che i giocatori a volte vengono messi fuori rosa, perché assumono comportamenti sbagliati. Tuttavia, è altrettanto vero che in alcune occasioni le società mettono fuori rosa alcuni calciatori solo in virtù di alcune strategie di mercato. E’ giusto quindi che l’accordo collettivo venga rinegoziato.

Chi sarà l’erede di Buffon tra Sirigu e Viviano? Al momento non credo che Buffon abbia un erede, perché mi sembra ancora inarrivabile. Tuttavia, preferisco Sirigu. Viviano è un ottimo portiere, ma l’estremo difensore del Palermo ha nelle gambe quel qualcosa in più che gli consente di compiere alcuni interventi determinati per salvare il risultato di una partita.

Il duello tra Pastore e Lavezzi? Credo che sarà determinate per l’esito del match. Entrambi appartengono alla categoria di quei giocatori per cui vale la pena pagare il prezzo del biglietto. Questi due fuoriclasse argentini con il loro estro contribuiscono a rendere interessanti molte partite, spesso, eccessivamente tattiche. Tuttavia, sia Napoli che Palermo, hanno anche altri grandi giocatori in grado di  determinare l’esito della partita.

Come verrà accolto Pastore dal pubblico partenopeo? Questo ragazzo ispira molta simpatia. Oltre ad essere un grande talento, è un giocatore senza bandiera. Come Maradona e Maldini, è stimato ed amato dagli avversari sia in campo che sugli spalti. Queste sono cose belle per il calcio.

Marchetti? E’ un portiere che mi piace molto. Non so cosa sia successo. Certo, vedere fermo un talento del genere è un peccato. Lo sciopero proclamato in questi giorni ha anche l’obiettivo di evitare che in futuro si ripetano episodi analoghi”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati