Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SPIEGA "IL MATTINO"

Forfait di Cavani, ecco quanto è accaduto...


Forfait di Cavani, ecco quanto è accaduto...
30/11/2011, 11:11

La doccia fredda a metà mattinata. Negativo il provino a Castelvolturno: Cavani è costretto ad arrendersi al dolore al piatto tibiale della gamba destra. Alza bandiera bianca il Matador, a malincuore ha dovuto rinunciare alla supersfida con la Juventus. L'uruguaiano si era fatto male a Bergamo: fatale il colpo preso in un contrasto durissimo con Cigarini in avvio di partita. Un taglio profondo alla tibia destra suturato a fine partita dal medico sociale De Nicola. Domenica mattina ha svolto semplice lavoro defatigante, poi lunedì il problema si è riacutizzato: l'effetto di un colpo involontario preso da un compagno nella rifinitura. Il Matador è stato costretto a fermarsi, a lasciare il campo. Lo staff medico del Napoli ha provato a recuperarlo in tempo utile. Si era pensato anche di far indossare al Matador un tutore speciale per proteggergli la tibia. Non è bastato, il provino di ieri in tarda mattinata è stato negativo: Cavani avvertiva ancora dolore ed è stato costretto ad arrendersi.

La notizia è stata ufficializzata sul sito del Napoli nel primo pomeriggio. Cavani è stato cancellato dalla lista dei convocati: sono rimasti in diciotto, Mazzarri ha deciso di non aggiungere nessuno al gruppo. Il protagonista più atteso è saltato nell'immediata vigilia del match con la Juve. L'anno scorso aveva segnato una tripletta ai bianconeri, una serata magica, portò a casa il pallone della partita. Attesissimo anche per il duello con Chiellini, dopo le scintille nell'amichevole Italia-Uruguay. Tanti motivi e soprattutto il morale a mille per i tre gol in cinque giorni, la doppietta al Manchester City e il gol all'ultimo secondo contro l'Atalanta. Non voleva saltare la sfida per nessun motivo, Cavani ha provato fino all'ultimo ma si è dovuto arrendere. Nel primo pomeriggio ha lasciato il ritiro per tornare a casa dalla moglie Soledad e dal piccolo Bautista, poi in serata si è presentato in tribuna con la consorte.

La sua presenza non sarà in dubbio contro il Lecce, un'altra squadra che gli evoca dolcissimi ricordi: l'anno scorso il Matador segnò il gol decisivo all'ultimo minuto di recupero, la rete votata come la più bella del campionato.
FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©