Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA RAIOLA

"Fossi nel Napoli farei scambio Lavezzi-Balotelli"


'Fossi nel Napoli farei scambio Lavezzi-Balotelli'
13/10/2011, 13:10

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Mino Raiola, procuratore di Hamsik, Balotelli e Jonathas
“Napoli teme l’addio di Hamsik? I cicli iniziano e finiscono… Farei lo scambio Lavezzi-Balotelli”
“Il Napoli mi entusiasma perchè gioca un calcio moderno, con un gruppo giovane e moderno.
Jonathas credo possa far bene in un grande club perché ha tutte le caratteristiche di una punta moderna. Sa giocare per la squadra, sa fare gol ed è forte di testa. È la tipica punta moderna che oggi viene richiesta da tanti club. Nel calcio i tempi sono importanti. Arrivare su un giocatore nei tempi giusti è fondamentale e il Napoli in passato ha dimostrato di saperlo fare. Il club partenopeo quest’anno ha fatto il mercato più importante di tutti, ma credo che l’acquisto di Hamsik sia stato in assoluto quello più importante. Il Napoli ha comprato Marek quando nessun club voleva puntare su di lui e lo ha fatto a pochissimo prezzo mentre adesso vale un botto di soldi. Il presidente De Laurentiis ha dimostrato di essere bravo a comprare, vediamo se si dimostrerà anche bravo nel vendere i suoi giocatori. Non ho rapporti con De Laurentiis perché in genere rapporti si costruiscono il due. Il Napoli se dovesse perdere Hasmik e si dovesse trovare spiazzato, sarebbe solo colpa sua perché un club deve prevedere tutto. Deve prevedere le partenze, come deve prevedere gli infortuni.
Il Napoli vuole proporsi come una provinciale, ma non è così perché ha tutte le strutture e i parametri di un grande club. La differenza tra Barcellona e Napoli a livello di città, non esiste. Esistono in entrambe le città gli stessi livelli economici, poi il Barcellona ha una storia di 40 anni, ma il Napoli è una grande squadra di una città grande per cui ha anche un certo di obbligo nel restare ad alti livelli. Il Napoli è una realtà perché il Napoli appartiene solo a Napoli. È forse l’unica società italiana speciale sotto questo aspetto. Con tutto il rispetto per De Laurentiis, chi si siede  su quella poltrona è solo un passante perché Napoli resterà di Napoli. È una squadra fondata sul cuore, sull’emozione che è più forte di un ragionamento economico, è più forte di qualsiasi patron. Il Napoli oggi sta facendo operazioni di mercato ad alti livelli, si sta quindi comportando da grande squadra ed è giusto che la si tratto da top club.
Il Napoli lotta per vincere lo scudetto altrimenti non avrebbe speso tutti quei soldi nel mercato estivo. Mazzarri non credo si accontenterà del secondo posto. Il Napoli va in campo per vincere contro tutti.
Il club partenopeo non deve preoccuparsi se altre società sono interessate ai proprio giocatori. Credo anzi, che debba essere contento. Un giocatore ha il suo ciclo in ogni club, e quando sarà finito, è giusto che vada via. I grandi club non devono avere paura di perdere i giocatori. L’Udinese, per esempio, non ha avuto paura di perdere Sanchez. I giocatori si vendono, e con i soldi ricavati, se ne comprano altri. I club devono sempre essere pronti a fare una nuova squadra.
La sfida di Ibrahimovic è quella di vincere lo scudetto con il Milan. Spero che Napoli e Udinese lottino insieme a Inter, Milan e Juve per il titolo ufficiale. Se cominciamo ad avere un campionato più equilibrato, questo non può che fare bene all’Italia.
Come vedo il Napoli in Champions? Credo che in Champions League ci voglia soprattutto tanta fortuna. Il Napoli però può combattere, lottare e soprattutto credere nella Champions.
Scambio Balotelli-Lavezzi? Fossi nel Napoli lo farei perché considero Mario un grandissimo giocatore”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©