Sport / Calcio

Commenta Stampa

MEDIANO DEL LENS

Francia, il Napoli si fa avanti per Kondogbia


Francia, il Napoli si fa avanti per Kondogbia
18/04/2012, 13:04

Il Napoli è andato a studiarlo, ha raccolto informazioni e aspetta altre risposte importanti entro la fine di maggio. Geoffrey Kondogbia è un centrocampista, ha il passaporto francese, ha diciannove anni, gioca nel Lens in Ligue 2, l’equivalente della nostra serie B. E’ titolare della nazionale Under 19, dove si muove al fianco di Paul Pogba, altro 1993, gestito dal manager Mino Raiola e da tempo nei piani della Juventus, pronta a tesserarlo a parametro zero all’inizio di luglio, visto che finora si è rifiutato di rinnovare l’accordo con il Manchester United, nonostante le pressioni di Alex Ferguson. In base alle classifiche di rendimento, Kondogbia è stato il miglior mediano della Ligue 2 nel girone d’andata. E’ mancino, si muove davanti alla difesa, è forte nei contrasti, ha un fisico d’acciaio, è alto un metro e 88 (per un peso-forma di 77 chili), guida il pressing, cattura tanti palloni e li distribuisce con ordine. Il Napoli lo tiene sotto osservazione, sta riflettendo sulla possibilità di investire sul cartellino di Kondogbia, che ha il profilo per rientrare nelle strategie del club di De Laurentiis, che ha già annunciato la sua intenzione di continuare a investire sui giovani.
IL CONTRATTO - Il Lens ha deciso di cederlo in estate. E’ già fuori dalla corsa alla promozione in Ligue 1, occupa il dodicesimo posto in classifica, ha raccolto quarantuno punti in trentadue giornate. Kondogbia ha un contratto che scade il 30 giugno del 2014: difficile trattenerlo un altro anno, soprattutto con la prospettiva di partecipare ancora al torneo di serie B. Il Napoli si è fatto avanti. E prima ancora era stata la Juventus a effettuare un sondaggio. Piace anche in Francia: Lione e Marsiglia hanno già compiuto qualche passo. Kondogbia è un regista-mediano che si adatta a diverse soluzioni tattiche. Può ricoprire il ruolo di centrale in un classico 4-2-3-1, scalando a protezione della difesa. Oppure può fare la mezzala in un 4-3-1-2, perché è rapido, riesce a proporsi in appoggio e a garantire gli equilibri giusti al reparto. Tampona e riparte per lavorare in fase di costruzione, anche se non cerca l’inserimento in area di rigore. E’ un centrocampista che copre e fa filtro, partecipando all’ impostazione della manovra. Ha uno spiccato senso della posizione, è concreto e razionale. Ha dimostrato grande maturità. In caso di emergenza può rendersi utile anche da difensore puro, al centro, in un 4-4-2. E’ attento in marcatura, è bravo di testa, ha le qualità per far nascere il gioco.
LA STORIA - È nato il 15 febbraio del 1993 a Nemours. E’ cresciuto nel vivaio del Lens insieme con Raphael Varane, che ha la sua stessa età e nella scorsa estate è stato acquistato dal Real Madrid, scelto da Zidane e subito promosso da Mourinho. Varane è un difensore centrale, ha giocato otto partite nella Liga e ha segnato un gol contro il Rayo Vallecano. Mourinho è convinto che abbia i mezzi per il salto definitivo. Kondogbia è francese, ma i suoi genitori provengono dalla Repubblica Centrafricana. Ha iniziato nella scuola-calcio del Nandy, in attesa di superare il provino e di proseguire la trafila nel Lens, che ha vissuto il periodo più brillante della sua storia negli Anni Novanta, quando ha vinto il suo unico scudetto (1997-98) e due Coppe di Lega (1994 e 1999), mentre all’estero si è tolto la soddisfazione di conquistare una Coppa Intertoto nel 2005. In questa stagione, sotto la guida del tecnico Jean-Louis Garcia, Kondogbia è finito nel mirino di parecchi club francesi e stranieri. In Ligue 2 ha disputato finora ventisette partite, realizzando il suo primo gol proprio venerdì scorso, in occasione del successo (3-0) ottenuto in trasferta dal Lens contro il Tours. Due gli assist. Quattro, invece, le partite in Coppa di Lega: contro il Clermont, il Tours, l’Evian e il Marsiglia. Aveva avuto un po’ di spazio anche l’anno passato, in Ligue 1: l’allenatore Jean-Guy Wallemme lo aveva fatto debuttare il 21 novembre del 2010 nella sfida persa (3-1) in casa con il Lione. Kondogbia era entrato in campo a sei minuti dalla fine, in sostituzione dell’attaccante Toifilou Maoulida. Era stato poi l’ungherese Laszlo Boloni, subentrato più avanti a Wallemme, a utizzarlo nelle ultime due partite di campionato: diciotto minuti contro l’Arles (0-1) e novanta contro il Nancy (0-4).
 LA FRANCIA UNDER 19 - Con Paul Pogba, scoperto dal Manchester United e attratto dalla Juventus, Kondogbia è stato uno dei giocatori di riferimento della nazionale francese Under 18 diretta da Pierre Mankowski, che ora ha inserito entrambi nella selezione Under 19. Il 6 settembre del 2011, in amichevole, Kondogbia ha affrontato l’Italia di Alberigo Evani. E’ stato schierato per cinquanta minuti al fianco di Pogba, la Francia si è imposta per 3-1 grazie ai gol di Bahebeck, Plea e Koura. Per gli azzurri è andato a segno il romanista Ciciretti.
FONTE: STEFANO CHIOFFI PER CORRIEREDELLOSPORT.IT
PdM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©