Sport / Calcio

Commenta Stampa

Frattamaggiore. Torneo interetnico di calcio, cena interculturale


Frattamaggiore. Torneo interetnico di calcio, cena interculturale
22/10/2011, 09:10

Calcio Contro il Razzismo. Al centro sportivo Pentathlon di Frattamaggiore (NA) sabato 22 ottobre dalle 16 alle 23, si tiene un torneo interetnico che coinvolge immigrati, giovani del territorio, associazioni no-profit in un evento tra sport e sociale. Italiani e stranieri tutti insieme per dare un calcio al razzismo. Per provare a sconfiggerlo attraverso lo sport e l’amicizia. L'evento è accompagnato da esibizioni musicali, degustazione di prodotti tipici di tutti i continenti e da una tavola rotonda su razzismo e omofobia. Al torneo di calcio seguirà una festa con musica popolare partenopea e africana, cibi dal mondo, momenti di socializzazione e aggregazione informale. Nel corso della festa si premieranno tutti i partecipanti con una medaglia, consegnando una coppa alla squadra vincitrice. Un’occasione per presentare approfonditamente la Settimana d’Azione FARE 2011 e l’impegno contro ogni discriminazione, che può trovare nel calcio un terreno di espressione straordinario. Tra i protagonisti i giovani richiedenti asilo accorsi in questi mesi dalla Libia, attualmente ospitati presso la Caritas Diocesana di Aversa. Ad organizzare il tutto è Cantiere Giovani, la onlus partenopea vincitrice per l’Italia di uno dei 54 flagship project finanziati dall’Unione Europea in tutto il continente per la promozione del volontariato e dell’integrazione. Col progetto “Volontariato al Volo”, infatti, Cantiere Giovani ha realizzato workamp e varie iniziative in tutta Italia. Non ultima, la realizzazione del torneo che coinvolge ragazzi africani, arabi, dell’est Europa e ovviamente campani in partite di calcio e approfondimento sulle tematiche relative al volontariato, all’integrazione, all’inclusione scolastica e, ovviamente, al razzismo. Un’occasione per dimostrare come il calcio possa rappresentare un’opportunità di avvicinamento e superamento delle paure, degli stereotipi, delle reciproche ostilità.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©